Contenuto Principale












 






______________


 

Finale Emilia, Foti (Fdi): La legge non prevede alcuna forma di celebrazione per le Unioni civili
Provincia - Emilia Romagna
Venerdì 09 Settembre 2016 15:05

“È fuori di dubbio che, contrariamente a quanto asserito da un’incompetente ciurma politico-istituzionale, la legge sulle unioni civili tra persone dello stesso non prevede alcuna forma di celebrazione”. Attraverso un’interrogazione alla Giunta, Tommaso Foti (Fdi-An) entra nel dibattito che riguarda la celebrazione delle unioni civili che ha visto coinvolto il Comune di Finale Emilia (Modena) con  il consueto corredo di polemiche

All’ufficiale di stato civile, specifica il consigliere, “sia egli il sindaco o un suo delegato, compete solo di ricevere una dichiarazione. Sicché, anche l’utilizzo della fascia tricolore non è minimamente richiesto”. L’istituto del matrimonio, prosegue, “è profondamente differente dalle unioni delle persone dello stesso sesso, tant’è che il legislatore ha diversamente disposto: le disposizioni di cui alla Legge 76/2016 non si applicano quelle riguardanti la celebrazione del matrimonio”.

Relativamente ai casi di Piacenza e Finale Emilia al centro della cronaca in questi giorni, Foti ritiene quindi che “gli uffici competenti si siano pronunciati correttamente e secondo legge”. Per queste motivazioni il consigliere, in polemica con l’assessore regionale alle Pari opportunità Emma Petitti, chiede alla Giunta “sulla base di quale specifica competenza istituzionale e di altrettanto specifica disposizione di legge all’assessore regionale competa di qualificare quali ‘inaccettabili e umilianti le restrizioni attuate dal sindaco di Finale Emilia nel tentativo di nascondere le unioni civili’”.