Contenuto Principale












 






______________


 

Ricostruzione terremoto: Errani ammette lo stallo: "Non riusciamo ad andare avanti. Tutto questo non può esistere"
Venerdì 24 Febbraio 2017 14:47
altLa registrazione di un incontro pubblico, seppur a porte chiuse, con i sindaci dei comuni terremotati ha posto l'attenzione (e qualche domanda), sulla funzione e sull'operatività del commissario per la ricostruzione (nominato nel ...), Vasco Errani.
Nessun fuori-onda quello che pur in esclusiva ha diffuso il settimanale Panorama.  "Il fatto di avere avuto terremoti di dimensione stratosferica, non rsolve il fatto che non riusciamo ad andare avanti su alcuni punti (fondamentali, ndr), come le casette. Non esiste...non esiste". Una fotografia ed uno stallo, quello sottolineato da Errani, che equivale ad un atto d'accusa e di irresponsabilità nei confronti di quel sistema che dagli istanti immediatamente successivi al sisma doveva garantire (anche solo in funzione delle dichiarazioni delle più alte cariche di Stato e di governo), la gestione dell'emergenza prima e la ricostruzione poi.
Ed è propria sulla distinzione delle due fasi degli interventi dello stato (che a sei mesi dal sisma dovrebbero essere già all'interno della fase 2), che Errani parla di una situazione in stallo tale da essere paragonata ad una gestione dell'emergenza, che - appunto - non è ancora ricostruzione. Che è come dire 'io che mi occupo di ricostruzione' me la prendo col fatto che non sono ancora arrivate le condizioni per poterne anche solo parlare. Che non è proprio il massimo detta dalla figura apicale della ricostruzione post sisma. Tanto da proseguire dicendo: "Bisogna cambiare, bisogna cambiare la governance, altrimenti non ce la faremo". Ed è automatico a questo punto interrogarsi sul tempismo delle dichiarazioni di Errani che, lo ricordiamo, da sei mesi è stato nominato commissario alla ricostruzione dal Premier Renzi. Ovvero, perché un atto d'accusa così politicamente pesante non è stato fatto prima? Doveva porsi il problema degli sfollati due volte, ovvero dei terremotati che dopo essere stati accolti negli alberghi della riviera, se ne dovranno andare entro maggio senza sapere dove potere andare? C'è qualcuno che si è accorto solo ora cha anche le casette sono una chimera?

Ascolta l'audio di Errani pubblicato in esclusiva da Panorama