Contenuto Principale












 






______________


 

Ecco la cabina di regia che gestirà la fusione tra gli ospedali modenesi
Attualità - Copia di In evidenza
Lunedì 29 Agosto 2016 18:12

alt

Si è insediata lunedì 29 agosto, nel corso della riunione della Conferenza territoriale sociale e sanitaria (Ctss) della provincia di Modena, la cabina di regia che gestirà la nuova fase di sperimentazione di fusione tra gli ospedali modenesi Policlinico e Sant'Agostino estense di Baggiovara. Come ha sottolineato il co-presidente Alberto Bellelli, sindaco di Carpi, "oggi arriva a compimento il fondamentale lavoro di istruttoria compiuto dai dirigenti delle due aziende e inizia un percorso importante che ha visto e vedrà tutte le professioni sanitarie concorrere all'interno dei gruppi di lavoro che disegneranno la nuova sanità modenese in un vero concetto di rete". Anche l'assessora a Sanità e Welfare del Comune di Modena Giuliana Urbelli ha evidenziato che il progetto "pone al centro la rete e il coinvolgimento di tutte le componenti professionali rappresentate nella cabina di regia riunita oggi" aggiungendo che "la gestione unica partirà ufficialmente nell'arco di alcune settimane, una volta definita la convenzione che regolerà i rapporti tra le due aziende".

Nella sua composizione la cabina di regia, tiene conto del ruolo delle istituzioni, dell'Università, della Conferenza stessa, dei diversi territori, dei tecnici in servizio, del rapporto tra ospedali e la rete sanitaria territoriale e della valorizzazione delle professioni. Oltre che dai rappresentanti della Ctss, della Regione, dell'Università e dai due direttori generali delle Aziende, è composta di 15 membri: Elisabetta Bertellini, direttore servizio Anestesia Rianimazione Aosp Policlinico e Nocsae Baggiovara; Lucio Brugioni, direttore Medicina interna e Area critica Aosp Policlinico; Tamara Calzolari, responsabile Welfare segreteria confederale Cgil; Stefano Cappelli, direttore Unità operativa Cardiologia Carpi - Mirandola, direttore Dipartimento Nefro-Cardio-Vascolare; Dante Cintori, segretario Fimmg Modena; Cristina Galassi, direttore Ostetricia Ginecologia Ospedale di Sassuolo - Ospedale di Pavullo; Cosimo Gallo, segretario Uil Modena e Reggio con delega alla Sanità; Giuseppe Masellis, già direttore Dipartimento Materno Infantile e componente consiglio direttivo Asvm; Orlando Pantaleo, responsabile assistenziale Area ospedaliera Nocsae; Giampaolo Papi, segretario provinciale Anaao - Assomed; Valeria Serraglio, coordinatrice Area Riabilitativa; Andrea Sirianni, segretario Cisl Emilia Centrale con delega al Socio sanitario; Tommaso Trenti, direttore Dipartimento Medicina Laboratorio e Anatomia Patologica; Claudio Vagnini, direttore Distretto Modena e membro Comitato indirizzo dell'Aosp Policlinico; Bruno Zanaroli, direttore Ospedale Sassuolo.

All'interno della cabina di regia verrà individuato un coordinamento al quale sarà affidata la fase esecutiva del percorso.