Contenuto Principale












 






______________


 

Nel 2013 sono stati 1181 gli sfratti per morosità in provincia di Modena
In evidenza - Cronaca
Mercoledì 26 Febbraio 2014 15:15

Un finanziamento di 391 mila euro è stato deciso nei giorni scorsi dalla Regione Emilia Romagna a sostegno del fondo "salva sfratti", avviato nel 2012 dalla Provincia di Modena con l'obiettivo di favorire la permanenza nell'alloggio delle famiglie in affitto in difficoltà.

Con questo stanziamento negli ultimi due anni, le risorse messe a disposizione dei Comuni, anche con il sostegno delle Fondazioni bancarie del territorio (Modena, Mirandola, Carpi e Vignola) hanno superato i due milioni euro.

Sulla base delle prime stime sulle erogazioni del 2013, sono oltre 300 le famiglie modenesi che hanno usufruito finora dei contributi. All'iniziativa aderiscono anche i Comuni modenesi, i sindacati di categoria e le associazioni dei proprietari.

«L'emergenza casa - sottolinea Egidio Pagani, assessore provinciale con delega allo Sviluppo delle città e del territorio - rappresenta una conseguenza drammatica di questa crisi. Cerchiamo di affrontare questa situazione attraverso nuovo politiche di sviluppo dell'edilizia residenziale pubblica ma anche sostenendo le famiglie in difficoltà che non riescono a pagare il canone, rischiando lo sfratto per morosità».

Nel 2013 in provincia di Modena i nuovi sfratti esecutivi per morosità emessi sono saliti a 1181 contro i 993 del 2012, in aumento quindi, dopo il sensibile calo che aveva seguito il picco di 1273 sfratti nel 2011.

Gli sfratti per morosità rappresentano la maggioranza dei casi: nel 2013 non sono stati emessi provvedimenti di sfratto per necessità del locatore, mentre quelli per finita locazione sono stati 22, in calo in questi ultimi anni.

Per quanto riguarda l'andamento negli ultimi anni degli sfratti esecutivi per morosità, dal 2003 al 2006 le cifre si aggiravano intorno ai 700 casi all'anno per salire a 847 nel 2007; poi con la crisi sono aumentati a 1062 nel 2008 e al record di 1479 casi nel 2009, poi scesi a 1179 nel 2010.