Contenuto Principale












 






______________


 

Modena, gli alberelli messi a dimora per i bambini nati nel 2015 sono 1.976
Domenica 02 Ottobre 2016 10:30

altTorna, domenica 2 ottobre, al Polo ambientale di Marzaglia, “Bimbalbero”, la festa che, fin dal 1992, la città dedica ogni anno ai nuovi nati per ciascuno dei quali il Comune di Modena ha piantato un albero.

Gli alberelli messi a dimora per i bambini nati nel 2015 sono 1.976, uno per ogni bimbo nato o adottato in città, più qualcuno di riserva, e sono stati piantati nella zona di forestazione sub urbana di “Ponte Alto” (da stradello Mauro Capitani a strada Barchetta, lungo la nuova linea ferroviaria).

Ogni famiglia, aiutandosi anche con la mappa pubblicata sul sito www.comune.modena.it/musa, potrà andare nell’area dedicata ai nati del 2015 e scegliersi il proprio albero, tra aceri, frassini, carpini, meli, ciliegi, querce e tigli, attaccando un talloncino con nome e cognome del bambino.

La festa, che si svolge nell’ambito della prima domenica ecologica prevista dalla manovra antinquinamento regionale 2016-2017, ed è promossa dal Quartiere 4 in collaborazione con il Musa e la Polisportiva Nuova Marzaglia, comincia alle 15.30, in via Pomposiana 292. In programma giochi, laboratori per i più piccoli, racconti, attività sensoriali, mostre, passeggiate, spettacoli, visite guidate e merenda. Bambini e genitori potranno anche esplorare il bosco di Marzaglia, annusare e toccare i loro alberi, ascoltare favole e storie sulle piante e la natura. L’iniziativa è stata sempre l’occasione ogni anno per collegare un lieto evento, come l’arrivo di un bambino, a un concreto impegno per migliorare l’ambiente in cui questo bambino crescerà, per sensibilizzare tutti sul tema della qualità della vita e per garantire un futuro ai figli in una città sempre più verde.

Per informazioni: Urp di piazza Grande, 059 20312. In caso di pioggia la festa sarà rinviata a domenica 9 ottobre.

 
Ricerca / Colonna destra

Il museo del Duomo di Modena

Nuovi ingressi, arredi, interni e un nuovo bookshop. Con i video de 'Il Nuovo Giornale' viaggi nel rinnovato ambiente di via Lanfranco, scrigno dell'achitettura, dell'arte e della storia sacra della cattedrale patrimonio dell'Umanità