Contenuto Principale












 






______________


 

Da oggi in Comune c'è il Difensore civico. Due appuntamenti a settimana e come prenotare
Lunedì 03 Ottobre 2016 06:56

alt

Da lunedì 3 ottobre sarà operativo nella sede del Comune di Modena il difensore civico territoriale, sulla base della convenzione con la Provincia approvata la scorsa settimana dal Consiglio comunale. Il ruolo è affidato all’avvocato Patrizia Roli, eletta dalla Provincia lo scorso aprile, che ricoprirà l’incarico fino al 30 aprile 2019, che è anche la data di scadenza della convenzione con il Comune.

Il difensore civico sarà a disposizione dei cittadini modenesi in Municipio, in piazza Grande, il lunedì, dalle 14.30 alle 18, e il venerdì, dalle 9.30 alle 13. Gli appuntamenti possono essere prenotati inviando una mail a difensore.civico@comune.modena.it oppure telefonicamente (tel. 059 2032455) dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13 e al lunedì anche dalle 14 alle 17.30.

La funzione principale del difensore civico è di essere garante dell’imparzialità e del buon andamento del Comune. Può intervenire, su richiesta di un cittadino o di propria iniziativa, per la tutela di tutti i cittadini, italiani o stranieri, che lamentino abusi, disfunzioni, carenze, ritardi o irregolarità compiute da organi, uffici o servizi dell’Amministrazione. La sua competenza è estesa alle aziende speciali, alle istituzioni per la gestione dei servizi sociali, educativi e scolastici, ai concessionari di servizi pubblici, alle società controllate. Una volta ricevuta la denuncia del disservizio, ha il potere e il dovere di chiedere chiarimenti, notizie e documenti ai funzionari responsabili che, a loro volta, hanno l’obbligo di rispondere entro trenta giorni. Al termine del procedimento, il difensore può rilasciare un parere al cittadino e segnala al sindaco e al segretario generale le disfunzioni, gli abusi e le carenze eventualmente riscontrate.


nella foto: Patrizia Roli

 
Ricerca / Colonna destra

Il museo del Duomo di Modena

Nuovi ingressi, arredi, interni e un nuovo bookshop. Con i video de 'Il Nuovo Giornale' viaggi nel rinnovato ambiente di via Lanfranco, scrigno dell'achitettura, dell'arte e della storia sacra della cattedrale patrimonio dell'Umanità