Contenuto Principale












 






______________


 

Modena insicura, Muzzarelli 'schiera' 20 volontari dell'Associazione nazionale Carabinieri
Cronaca - In evidenza
Giovedì 04 Settembre 2014 14:19
alt

Nel centro storico di Modena si rafforzano i controlli, grazie all’impiego dei volontari dell’Associazione nazionale Carabinieri che, organizzati in pattuglie di due persone, con l’uniforme dell’associazione e “armati” di tesserino di riconoscimento e radio ricetrasmittente, integreranno nei prossimi mesi l’attività della Polizia municipale.

Lo prevede la convenzione sottoscritta in municipio oggi, giovedì 4 settembre, dal sindaco Gian Carlo Muzzarelli, insieme al comandante della Polizia municipale Franco Chiari, e dal presidente della sezione di Modena dell’associazione, il tenente Daniele Danelli.

In questo modo l’Associazione nazionale Carabinieri, con una ventina di volontari e la previsione di circa 500 ore di servizio all’anno, si aggiunge agli altri gruppi che già fanno parte del progetto “Volontari della sicurezza” che fino a oggi poteva contare su 60 volontari di Gev (Guardie ecologiche volontarie), Gel (Guardie ecologiche di Legambiente) e Vivere sicuri, altri sei singoli cittadini, per un totale di circa 1.200 ore di servizi all’anno. Questa convenzione con l’Associazione nazionale Carabinieri, approvata mercoledì 3 settembre in giunta, è l’unica, per ora, che prevede l’impegno anche di ex appartenenti alle forze dell’ordine.

Il progetto, nell’ambito del ruolo della Polizia municipale come polizia di comunità e di prossimità, rientra tra le previsioni della legge regionale 24 del 2003 e ha l’obiettivo di realizzare una presenza attiva sul territorio, aggiuntiva e non sostitutiva rispetto ai compiti e alle competenze riconosciute alla stessa Polizia municipale. I volontari, quindi, rappresentano di fatto un’integrazione della rete di collegamento con i cittadini, nella consapevolezza che il senso di sicurezza è strettamente legato anche al rispetto delle regole elementari di convivenza civile, del decoro urbano e dei beni pubblici.

Saranno proprio questi i principali ambiti d’intervento dei volontari dell’Associazione nazionale Carabinieri che sfoggeranno un distintivo nel quale lo stemma del Comune è affiancato al logo del gruppo. Collegati per radio alla sala operativa della Polizia municipale e coordinati dall’Unità Sicurezza Urbana del Comando, i volontari dovranno segnalare le anomalie riscontrate nel corso del pattugliamento sui percorsi definiti in centro storico: comportamenti che generano situazioni di degrado, atti di vandalismo, graffiti, presenza di persone problematiche e tutto ciò che possa alimentare insicurezza e disagio. In particolare, per quello che riguarda il disordine sociale, la loro attenzione sarà rivolta a rilevare comportamenti illegali o poco rispettosi dei diritti altrui come gli schiamazzi, il disturbo alla quiete pubblica, la vendita abusiva di merci contraffate e non, la prostituzione, gli insediamenti abusivi e la presenza di tossicodipendenti.

La convenzione prevede anche la copertura assicurativa e l’attività di formazione per i volontari, con un costo annuo di 5 mila euro (2.500 per il 2014), e il loro l’impiego in manifestazioni pubbliche e in iniziative di tipo informativo.

I volontari dell’Associazione nazionale Carabinieri opereranno principalmente nel centro storico con pattuglie di due persone ben identificabili dai cittadini e con una frequenza di tre servizi a settimana su percorsi predefiniti in base alle esigenze riscontrate e alle segnalazioni pervenute al Comando di Polizia municipale. I percorsi sono organizzati in modo da interessare piazza Grande e le principali zone del centro storico, ma anche i Giardini Ducali e la zona Tempio, il Parco delle Mura e la zona Novi Sad.

I percorsi individuati in questa prima fase sono cinque.
1 – Piazza Roma: piazza Grande – piazza Mazzini – via Taglio – piazza Roma - via Farini – piazza Grande.
2 – Via Albinelli: piazza Grande – XX Settembre – via Albinelli – via Selmi – corso Canalchiaro – San Francesco – corso Canalchiaro – corso Duomo – piazza Grande.
3 – Parco delle Mura: Teatro Storchi – viale Martiri – via Rimembranze – piazzale Risorgimento – viale Muratori – viale Fabrizi – Teatro Storchi.
4 – Novi Park: Stazione Autocorriere – piazzale 1° Maggio – Cittadella – piazzale Tien an Men – anello Novi Sad .
5 – Via Crispi: via Crispi – via Ferrari – via Piave – via Muzzioli – via Poletti – via Ricci – via Caduti in Guerra – Giardini Ducali.