Contenuto Principale












 






______________


 

Liceo Sigonio Modena, Leoni: "Il Comune ha già speso 1,5 milioni di euro per mettere pezze ai propri errori”
Cronaca - In evidenza
Mercoledì 09 Luglio 2014 17:25
alt“La mancata realizzazione, promessa già dal 2009 dall'ex Sindaco Pighi e dall'ex Assessore Querzé, della nuova sede del liceo Sigonio, è già costata al Comune più di un milione e mezzo di euro. Oggi sono esattamente 1.524.107 gli euro spesi dal Comune solo per mettere pezze al vecchio edificio che ospitava le scuole medie Marconi. Qui sono state dirottate le classi del Sigonio in conseguenza al terremoto, visto che della nuova sede del Liceo, promessa per anni, non c'era ancora traccia. E al danno economico legato al fatto di avere speso soldi, non per avere la nuova scuola promessa ma per mettere pezze ad uno stabile vecchio ed abbandonato, il Comune ha chiesto ed ottenuto di utilizzare soldi destinati alla ricostruzione post terremoto. Sono 988 mila gli euro destinati alla ricostruzione utilizzati per mettere pezze ad uno stabile che pur vecchio, paradossalmente, come confermato dalla Regione, non era stato intaccato dal terremoto, e per rimediare all'inerzia di un'Amministrazione che aveva prima promesso e finanziato il progetto della nuova sede per poi lasciarlo in un cassetto”.

La denuncia arriva dal Consigliere regionale Andrea Leoni, commentando la risposta ricevuta dall'Assessore regionale all'istruzione Patrizio Bianchi all'interrogazione con la quale lo stesso Leoni aveva chiesto conto delle continue problematiche strutturali dell'attuale sede provvisoria del Liceo Sigonio e delle spese sostenute per affrontarle.

“Il problema che i continui interventi per supplire a problemi strutturali stanno trasformando il liceo in un pozzo senza fondo. Ben 860 mila euro furono necessari solo per lavori urgenti, necessari per metterci piede. Seguirono altri lavori di ristrutturazione sui servizi igienici fatiscenti e coperture per 133.000 euro. Nonostante ciò, pochi mesi dopo l'ultimazione dei lavori, parte del soffitto crollò, la tragedia fu sfiorata per caso ed i lavori di ripristino costarono altri 256.602 euro. Poi ci si rese conto che il manto di copertura del tetto era da rifare. Scatta quindi una nuova delibera da 279.505 euro per un intervento in corso che porta la cifra a superare il milione e mezzo di euro e che, visti i precedenti, non si sa se sarà duraturo.
Altro che ricostruzione. Siamo di fronte all’incapacità di programmare e di gestire la spesa pubblica, anche in un settore così strategico ed importante come quello della scuola. Terza ed ultima beffa che si aggiunge al danno, l'intenzione del Comune, e confermata dall'Assessore Bianchi nella sua risposta, di procedere 'rapidamente' al bando per la realizzazione della nuova sede del liceo Sigonio, sperando di utilizzare i soldi promessi dal Governo per il Piano Scuola. Purtroppo i precedenti non ci consentono di essere ottimisti. Monitoreremo gli atti del Comune affinché gli impegni siano mantenuti, e gli studenti modenesi possano avere, senza ulteriori sprechi, quelle strutture e quei servizi promessi e non realizzati da troppo tempo”.

LA RISPOSTA DEL COMUNE: PROGETTO PRELIMINARE IN GIUNTA ENTRO FINE LUGLIO

In merito ed in risposta all'intervento del Consigliere regionale Andrea Leoni, il Comune, attraverso l'Assessore Giacobazzi, ha tenuto a precisare che il progetto preliminare del nuovo liceo approderà in giunta entro il mese di luglio.

"L’approvazione del preliminare - ha affermato l'Assessore - è il primo passo concreto del percorso che “consentirà di elaborare entro cento giorni dall’insediamento dell’amministrazione, come ha annunciato il sindaco, il bando per la realizzazione della scuola, inserendovi anche la progettazione esecutiva”.
La nuova scuola sarà costruita tra via Padre Candido e viale Montecuccoli in un’area già acquisita dal Comune a questo scopo negli anni scorsi.
“Prevediamo la realizzazione in due stralci – aggiunge Giacobazzi – di cui il primo, funzionale, sarà già inserito nel bando insieme al progetto esecutivo di tutto l’edificio”.