Contenuto Principale












 






______________


 

Trasporto pubblico, nuovi arredi al terminal Gottardi
In evidenza - Cronaca
Venerdì 09 Maggio 2014 13:53
 

altSono circa 2 mila le persone che, in arrivo o in partenza, nei giorni feriali, gravitano attorno al terminal di via Gottardi a Modena, presso il Polo universitario e il parcheggio scambiatore.
Ogni giorno, durante il periodo scolastico, transitano circa 130 autobus delle linee 9, 7 e 391, cui si aggiungono gli arrivi e le partenze di alcune linee di trasporto internazionali. Per rendere ancora più fruibile il terminal, dove lo scorso anno sono state realizzate le due nuove pensiline, i tecnici comunali stanno installando cinque panchine e alcune sedute, oltre ai cestini porta rifiuti.

I nuovi elementi di arredo urbano sono ideati appositamente per valorizzare il lavoro sviluppato dal progetto sulla copertura: le due pensili­ne “Magnolia” e “Ficus”, infatti, sono ispirate a elementi naturali, in strut­tura metallica e telo Pvc, per una copertura complessiva delle banchine di 620 metri quadrati. Nell’area, già lo scorso anno sono stati effettuati interventi di miglioramento de­gli spazi per la sosta degli utenti.
La stazione è attrezzata con servizi igienici e monitor d’informazione. I costi del nuovo arredo rientrano tra quelli del progetto complessivo di realizzazione del terminal e di risistemazione dell’area, pari a 650 mila euro, cofinanziati dal ministero dell’Ambiente, in quanto parte degli interventi struttu­rali per la razionalizzazione della mobilità in ambito urbano.

Adiacente al terminal dei bus, il parcheggio Gottardi presenta circa 290 posti auto. Si tratta di uno dei principali punti d’interscambio tra mezzi pubblici e privati in città e favorisce gli spostamenti con sistemi di trasporto ambientalmente compatibili come i filobus.
Con la revisione delle linee urbane di trasporto pubblico del 2009, via Gottardi è diventata il capolinea delle linee 7 e 9, e il terminal è idoneo per l’approdo di due linee extraurbane da Vignola e Castelfranco, oltre a rappresentare un punto di approdo delle li­nee interregionali, nazionali e internazionali.