Contenuto Principale












 






______________


 

Modena per l'Expo. Le 44 iniziative della città della Ghirladina e della provincia
Cronaca - In evidenza
Lunedì 15 Dicembre 2014 14:59

alt

Sono 44 le iniziative – festival, eventi, rassegne, mostre, convegni – legate a Expo in programma a Modena e provincia nel corso del 2015, che la Regione Emilia Romagna ha già inserito nel calendario da proporre a visitatori e operatori in arrivo sul territorio. Di queste 44, 27 sono state valutate vere e proprie eccellenze, e avranno quindi una visibilità particolare.

Ma il numero di eventi in programma a Modena sarà sicuramente maggiore. Tanti altri appuntamenti sono in via di definizione e nelle prossime settimane saranno proposti alla Regione per integrare l’offerta complessiva: progetti di incoming per operatori, circuiti turistici in Appennino, iniziative per valorizzare le eccellenze produttive dal biomedicale alla moda, oltre naturalmente ai prodotti tipici.

Il punto sul progetto “Modena per Expo” è stato fatto in Municipio nel corso dell’incontro del tavolo di coordinamento presieduto dal sindaco Gian Carlo Muzzarelli e al quale hanno partecipato, oltre ai promotori dei singoli progetti, i rappresentanti dei Comuni, delle associazioni di categoria e dei sindacati, dell’imprese, di enti e istituzioni.

L’elenco delle iniziative, che si terranno non solo a Modena ma in diversi comuni della provincia, è consultabile sul sito del Comune di Modena (www.comune.modena.it) che propone l’anteprima, in lingua italiana e inglese, del portale VisitModena di valorizzazione del territorio in corso di allestimento.

Tra i progetti inseriti nelle “eccellenze” c’è il Villaggio del gusto, promosso da Camera di commercio e Palatipico. Si tratta di una rassegna che per tutta la durata di Expo 2015, da maggio a ottobre, proporrà ai Giardini Ducali di Modena incontri, mercati, laboratori, show cooking, mettendo al centro i prodotti tipici e la tradizione gastronomica modenese.

Un altro progetto creato appositamente per Expo, ma che potrebbe proseguire anche dopo, è “Discover Ferrari & Pavarotti Land”: un bus-navetta concepito per offrire al visitatore in arrivo sul territorio la possibilità di visitare le eccellenze culturali e produttive. Con il pagamento di un biglietto unico i turisti, compresi quelli in arrivo alle stazioni dell’alta velocità di Bologna e Reggio Emilia, avranno a disposizione un itinerario che tocca i due musei Ferrari di Modena e Maranello, la casa-museo del maestro Luciano Pavarotti, i centri storici e il patrimonio storico-culturale di Modena e provincia, ma anche caseifici, antiche acetaie e cantine dove potranno degustare i prodotti e acquistarli.

E ancora: rassegne che propongono confronti con altre culture (CuCina, 7 giorni di eventi sulla Cina), mostre tematiche (“Eat Art” di Daniel Spoerri alla Galleria Civica, il cibo e le Esposizioni Universali al Museo della Figurina, “Cristalli ai raggi X” proposta dall’Università di Modena e Reggio), una performance artistica sull’aceto balsamico a Spilamberto, una mostra sul Rinascimento e le installazioni di “Vestire di luce” a Carpi, il nuovo allestimento del Palazzo Ducale di Sassuolo, festival e rassegne che nel 2015 parleranno dei temi al centro di Expo.

L’incontro del tavolo di coordinamento è stato convocato anche per concordare le modalità di presentazione degli eventi modenesi a Expo Milano, all’interno degli spazi messi a disposizione dalla Regione Emilia Romagna. Il termine per la presentazione delle candidature scade il 30 gennaio ed entro quella data – è stata la proposta del sindaco Muzzarelli – sarà elaborato un progetto unico del “sistema Modena” per offrire ai visitatori dell’Esposizione milanese una panoramica sull’offerta turistica e culturale del territorio.

“Nel 2015 misureremo la capacità di agire uniti – ha spiegato il sindaco – investendo insieme sulla promozione, sul marketing, sulla valorizzazione del territorio per fare apprezzare ancora di più nel mondo la nostra storia, i nostri prodotti, il nostro straordinario patrimonio di cultura e bellezza. Perché noi non dobbiamo sentirci i migliori, ma dobbiamo lavorare uniti per venire riconosciuti come migliori. Ed Expo – ha aggiunto Muzzarelli – rappresenta il banco di prova di una nuova organizzazione dell’attività di promozione turistica della città e della provincia per mettere a valore il nostro prezioso ‘capitale territoriale’ creando nuove opportunità per la crescita”.

La navetta “Discover Ferrari & Pavarotti Land”, che dal 4 aprile al 31 ottobre toccherà diversi punti del centro di Modena – il parcheggio Novi Park e il vicino Palazzo dei musei; il sito Unesco e via Emilia centro; i Giardini Ducali – transitando ogni 45 minuti durante l’intero arco della giornata, 7 giorni su 7, impone in qualche modo una revisione delle modalità di fruizione dei siti di maggior interesse turistico.

Partendo da questo dato, il Comune ha avviato una ricognizione su modalità di accesso e orari di apertura di siti e monumenti per meglio soddisfare le esigenze dei visitatori in arrivo.

In particolare, per il sito Unesco è stato avviato il percorso per arrivare a orari di apertura omogenei, più estesi rispetto a quelli attuali e senza interruzione nella pausa-pranzo. Allo studio anche il biglietto unico per l’accesso a Musei del Duomo, Ghirlandina e sale storiche del Palazzo Comunale, oltre a modalità condivise di gestione e personale di guardiania.

Sono in fase di progettazione e realizzazione, inoltre, il potenziamento della segnaletica verso il centro città e in centro storico; l’installazione di totem trifacciali con informazioni sugli eventi e i siti culturali, di totem digitali e altri strumenti multimediali; l’allestimento di nuovi punti di accoglienza e informazione turistica.

Tra gli interventi del Comune di Modena anche “Vetrine aperte per Expo”, progetto che attraverso un bando metterà a disposizione di consorzi, imprese, enti locali della provincia negozi sfitti in centro storico, in parte da adibire a “temporary store”, in parte da utilizzare per l’esposizione di vetrofanie utili a promuovere eventi, prodotti, luoghi. L’obiettivo è offrire alle imprese, soprattutto quelle di aree svantaggiate, la possibilità di usufruire di una “vetrina” nel centro di Modena, contribuendo nel contempo a combattere il degrado urbano.

Il progetto “Modena per Expo” comprende inoltre gli interventi già programmati per la riqualificazione di zone e strutture del centro: quelli in piazza Roma e corso Duomo, il percorso giallo stazione-Mef, gli interventi sul teatro Comunale, il progetto di manutenzione dei Giardini Ducali e di altre aree della città, oltre all’avvio delle procedure per il ridisegno dell’area del casello autostradale Modena nord.