Contenuto Principale












 






______________


 

R-nord, ancora problemi: tre appartamenti occupati abusivamente. Tre ghanesi denunciati
Cronaca - In evidenza
Sabato 18 Febbraio 2017 10:01
altLe forze dell'ordine stanno nuovamente incrementando i controlli in una zona (quella compresa tra il Parco XX aprile/due Canali - Erre Nord e via Attiraglio), che continua ad essere territorio di attività di spacciatori ed irregolari. E l'R-Nord, dove il Comune ha scquistato più della metà degli appartamenti abitati per l'82% da stranieri i problemi di degrado sociale ed illegalità diffusa continuano. Nonostante il fatto che sotto la galleria, praticamente all'ingresso del complesso, ci sia una sede della Polizia Municipale. E nonostante la Coop abbia ristrutturato la galleria, rendendola più luminosa e controllata da telecamere. E nonostante i 20 milioni di euro pubblici che il Comune, attraverso la società partecipata Cambiamo, ha già speso principalmente per acquistare e ristrutturare alloggi. Appartamenti che ora risultano per la metà di proprietà pubblica e per l'altra metà privata. Ed è in questa metà che sono compresi anche quelli che mercoledì pomeriggio sono stati oggetto dei controlli della Polizia Municipale perchè occupati abusivamente. Gli agenti all'interno hanno trovato e deferito all'Autorità Giudiziaria, per invasione di edificio, tre cittadini ghanesi: F.A. di anni 36, E.B. di anni 25 e E.A. di anni 46. Tutti e tre, risultati dimorare regolarmente sul territorio nazionale, hanno precedenti per droga, furti e reati con il patrimonio. Gli immobili occupati, privi di utenze attive ed in pessime condizioni igieniche, sono stati riconsegnati alla proprietà che ha provveduto alla pulizia e a ripristinare le chiusure degli accessi per evitare future occupazioni.

Sempre in zona, me il giorno successivo. è stato arrestato per spaccio e per detenzione ai fini di spaccio e processato per direttissima un giovane colto in flagranza di reato dagli agenti della Polizia municipale di Modena nella giornata di giovedì, sempre durante un servizio di controllo nell’area del parco XXII aprile, a poche centinaia di metri dall'R-nord

Verso le 13.30 gli agenti in borghese hanno visto A.I.T, un 24enne di nazionalità nigeriana già in passato notato insieme a un gruppo dedito allo spaccio di sostanze stupefacenti nella zona che si estende dal parco al comparto R-Nord fino a viale Crispi. Il giovane era intento a rovistare in una siepe del parco XXII Aprile da cui ha estratto un piccolo involucro da un pacchetto più grande, subito nuovamente occultato tra l’erba, e ha portato l’involucro a un cittadino italiano che lo aspettava poco distante. L’acquirente di quella che è risultata essere marijuana è stato immediato fermato dagli agenti e deferito alla Prefettura quale consumatore, mentre i colleghi in motocicletta hanno inseguito in via Paolo Ferrari e bloccato lo spacciatore che tentava la fuga in bicicletta. Una terza pattuglia ha inoltre recuperato l’involucro nascosto che è risultato contenere una ventina di dosi di marijuana pronte per essere cedute.

Per A.I.T., regolare sul territorio italiano, è arrivata la convalida dell’arresto e nella mattinata di venerdì 17 il processo per direttissima: è stato condannato a 10 mesi con la sospensione della pena, ma se intervenisse in futuro un'altra’pena, rischierebbe il carcere, mentre potrebbe già vedersi negare il rinnovo del permesso di soggiorno.

Diversi e approfonditi i servizi di controllo effettuati in zona nelle giornate del 15 e 16 febbraio dalla Polizia municipale, che hanno portato all’identificazione di oltre 20 cittadini stranieri, oltre che a controllare diversi alloggi.
In particolare, nella mattinata di mercoledì, a seguito di querela da parte della proprietà, sono stati controllati tre appartamenti del comparto R- Nord, ubicati in via Canaletto 21, segnalati come sfitti, ma di fatto occupati abusivamente da diverse persone di origine centroafricana.

Nel corso del controllo sono state rintracciate anche altre due persone, originarie rispettivamente della Liberia e del Togo, regolari sul territorio, ma sorprese a bivaccare nelle parti comuni del condominio.