Contenuto Principale












 






______________


 

Allarme sicurezza: il sindaco delega al governo.
Cronaca - In evidenza
Martedì 10 Gennaio 2017 20:35
altNonostante le slide con i dati sui servizi effettuati da quando la copertura della polizia Municipale è stata estesa sulle 24 ore (nel 2016  sono stati 327 i servizi notturni, contro i 241 del 2015,  3 autopattuglie di pronto intervento, di cui una dedicata al centro cittadino, e altre 18-20 nei servizi di Quartiere, di Polizia stradale, amministrativa e Infortunistica, e i servizi serali con otto agenti e un coordinatore sulle strade dalle 19 all’una), il Sindaco di Modena Giancarlo Muzzarelli non è riuscito ad andare al di la delle dichiarazioni istituzionali e di rito, che per anni i suoi predecessori hanno ripetuto di fronte all'allarme criminalità, delegando di fatto il tutto al governo. Dopo avergli scritto una lettera Muzzarelli incontrerà direttamente il Ministro dell'interno Minniti giovedì.

“Il Comune è impegnato totalmente sul tema delle sicurezza e della legalità, pur sapendo che questa è in capo allo Stato e di competenza delle Forze dell’ordine. Per quanto ci riguarda facciamo quanto più possibile per la promozione della legalità, per ridurre le vulnerabilità sociali anche aumentando le risorse a bilancio nel 2017 e con un impegno straordinario sul versante delle politiche occupazionali ed educative” - ha detto lo stesso Muzzarelli aprendo il Tavolo Unico della Sicurezza urbana che si è svolto a partire dalle ore 18 in Municipio. "Occorre un impegno preciso del Governo per cambiare passo di fronte all’aumento di fenomeni criminali come furti e rapine, così come davanti al dilagare della microcriminalità. Sono istanze e preoccupazioni – ha proseguito Muzzarelli - che nell’incontro in programma giovedì 12 gennaio porterò all’attenzione del ministro degli Interni Marco Minniti, che ringrazio per la solerzia dimostrata, nella logica delineata con il rinnovo del Patto per la sicurezza che fissa gli obiettivi prioritari e conferma la Cabina di regia quale sede di coordinamento delle operazioni interforze”.

In sintesi dall'incontro in Municipio nessuna novità né sul piano politico (scrivere ad un ministro e poi parlarci per chiedere rinforzi ha assunto negli anni ormai le forme di rito stantio dovuto, se non scontato, e soprattutto poco impegnativo), né sul piano tecnico (i dati che seguono mostrati dal comandante della Polizia Municipale Franco Chiari parlano di ciò che è stato fatto ed evidentemente non è bastato visto che l'allarme criminale è anche aumentato, e nulla di ciò che di straordinario si farà).
Un allarme, quello legato all'offensiva criminale, che continua a comprendere ed a riguardare in particolare anche l'R-Nord dove la riqualificazione della coop che ha compreso diverse parti comuni dell'edificio, rischia di essere vanificata dal degrado sociale dilagante diffuso nel complesso degli oltre 200 appartamenti (la maggior parte acquistati e di proprietà del Comune), in cui vivono l'85% di stranieri.

I DATI

Durante il Tavolo, che si è svolto in Municipio, il comandante Franco Chiari ha illustrato alcuni dati sull’attività di presidio e controllo del territorio in cui è impegnata la Polizia municipale, ricordando l’ampliamento dell’organico con l’assunzione di 17 agenti e un ispettore. 

Accanto alle attività di presidio, agli interventi di contrasto alla criminalità e di prevenzione, la Municipale è impegnata nei servizi mirati antidegrado come il presidio fisso in viale Crispi e la presenza settimanale dell’ufficio mobile in piazza Dante, così come in piazza Guido Rossa, nei servizi per la prevenzione dello spaccio e di contrasto alla prostituzione (414 quelli svolti nella zona di parco XXII Aprile e 393 in zona RNord/via Attiraglio), nei servizi contro l’accattonaggio molesto (381 nell’anno appena trascorso) in centro come nella zona del Policlinico e contro la prostituzione in strada (501 interventi in zona Tempio).

I VOLONTARI PRESIDIO DEL TERRITORIO

Hanno inoltre già superato quota 300 i volontari appartenenti alle dieci associazioni che con il coordinamento della Municipale svolgono un’azione di presidio del territorio, mentre è in fase di avvio la sperimentazione del controllo di vicinato, avviato con il coinvolgimento dei cittadini. A fine anno si sono svolte due edizione del corso “Polizia di comunità, relazioni con i cittadini, controllo di vicinato”che hanno visto partecipare oltre 40 agenti della municipale e 25 cittadini volontari per avviare nei quartieri della città il controllo di vicinato. Ma sono i comitati nati spontaneamente nei diversi quartieri, sempre pronti a segnalare problematiche legate al degrado, allo spaccio, alla delinquenza a rappresentare oggi l'occhio più vigile e prezioso. I loro rappresentanti erano presenti in Comune chiedendo di fatto all'Amministrazione una maggiore attenzione sul piano della prevenzione. "Troppo spesso - afferma Stefano Soranna - i problemi vengono affrontati solo a seguito delle tante ed insistenti segnalazioni". Come dire se non lo tiri per la giacchetta e lo tempesti di richieste (oggi la pubblicazione sui social di situazioni di illegalità e di degrado comunque aiuta), il Comune non si muove o arriva tardi. 

OCCHI ELETTRONICI

L’Amministrazione continua anche a puntare sull’implementazione del sistema cittadino di videosorveglianza che oggi conta 153 telecamere (erano 130 a fine 2014) e sono già in fase avanzata i lavori per l’installazione di sei nuove telecamere in via Emilia ovest, a cui si aggiungerà il potenziamento della videosorveglianza in corso Canalgrande/via Goldoni/palazzo S. Margherita, via Taglio/piazzale Torti, piazza Dante/via Dell’Abate, Canalchiaro/piazzale S.Giacomo, per un totale di 20 nuove telecamere nel 2017. Agli interventi in città, si aggiungono quelli per realizzare la connettività in zona Torrazzi e nelle frazioni di Albareto e Cittanova–Marzaglia, al pari di quanto fatto lo scorso anno a Quattro Ville. Il 2017 sarà decisivo anche per l’entrata in funzione del sistema SCNTT (Sistema nazionale controllo targhe e transiti) nell’ambito del quale già 10 dei 14 varchi previsti sono coperti da infrastrutture.

Foto: Il Sindaco ed il Comandante della Polizia Municipale nel corso dell'incontro