Contenuto Principale












 






______________


 

Modena, altro risultato utile, ma non basta: contro il Fano solo pareggio
Cronaca - In evidenza
Mercoledì 07 Dicembre 2016 16:27
altDue occasioni nel primo tempo, e tre nel secondo. Il Modena ci prova, soprattutto nell'ultimo quarto dura, a sbloccare il risultato. Con un gran tiro di Basso neutralizzato in tuffo dal portiere avversario, ultima grande occasione gialloblù. Unico tiro in porta della gara, che già dice tutto di una partita che il Modena poteva comunque vincere, nonostante tutto, se non fosse per le gravi carenze sul piano tattico, come quelle di Diakite che nella ripresa getta al vento una straordinaria palla un pò alta ma solo da insaccare. Fatto sta che il Modena, nella partita d'esordio casalingo per il nuovi mister Capuano, non riesce ad andare oltre allo 0-0 finale contro un Fano davvero con poca personalità, in grado di impegnare Manfredini solo nel primo tempo.

Una partita all'insegna delle occasioni sprecate da una parte e dall'altra del campo. Si sente sicuramente l'assenza di Giorico in fase di costruzione ma è difficile ipotizzare, vista l'incapacità nelle finalizzazioni dell'attacco gialloblù, che la sua presenza avesse cambiato il risultato finale. Due occasioni nel primo tempo e, appunto, due clamorose nel secondo tempo. La seconda occasione della ripresa arriva con Schiavi, al 40', con un diagonale deviato di poco fuori. Da qui genera un calcio d'angolo dal quale genera e poi l'unico tiro in porta della ripresa, con Laner che impegna duramente in tuffo il portiere della squadra avversaria.   

Il primo tempo era finito sullo 0-0. Il Modena maggioramente in attacco non riesce ad approfittare delle oggettive ingenuità che il Fano ha nella propria trequarti di campo ed in difesa. Portieri praticamente mai impegnati. Due sole occasioni per il Modena. La prima, al 7' con il colpo di testa di Diakite su cross di Calapai, Poi con la punizione dai 20 metri battuta da Schiavi e finita di poco fuori alla destra del portiere. Il Modena sembra avere recuperato maggiore determinazione ma i giocatori, pur con qualche guizzo personale e non scontato di Diakité, rimangono quelli. Con Calapai e Laner che gettano la palla in modo dilettantistico. L'immagine è quella (panoramica) degli spalti. Desolante. Causa sicuramente anche il giorno feriale e dell'orario (alle 14.30).

Alle 16,27 minuti, dopo 4 di recupero, arriva il fischio finale della partita che segna il secondo pareggio consecutivo del Modena che non cambia la posizione in classifica e che ora segna 13 punti. La posizione rimane la terz'ultima, in attesa degli altri risultati 
Il Modena ha certamente dimostrato, anche oggi, un pò più di temperamento e carattere ma sul piano tattico i limiti sono evidenti. 

SPETTATORI 
Paganti: 609
Abbonati:  1406 ma solo una parte non quantificata presente

Il post partita di Capuano: "Rammarico perchè sono state sprecate diverse palle in area. Con quella di Diakite avevo già gustato la vittoria"

"Non ci prendiamo per i fondelli. La mancanza di Giorico si è sentita. Nella ripresa, quando mi sono reso conto delle difficoltà e dei potenziali rischi, ho tolto un centrocampista e ho messo una punta, provando a tenerci più bassi. C'è rammarico per diverse palle danzate in area di rigore, una su tutto quella colpita male da Diakite che mi aveva già fatto pregustare il gol. No avevo né bajner né Loi che si è fatto male nella fase di palleggio. Li avrei fatti giocare se fossero stati nella condizione fisica di potere giocare. Ci sono ancora 5 partite prima della riapertura del mercato. Caliendo e Pavarese sono bene a conoscenza delle esigenze della rosa. Ora le nostre energie non devono essere concentrate sul mercato ma sull'arrivarci nel migliore dei modi, ovvero facendo più punti possibile. Comunque non c'è ombra di dubbio che qualcosa manca. In queste ultime due partite abbiamo dato compattezza ai reparti, data più organizzazione e ciò ha comunque portato a due punti. Perché io sono sempre convinto che se non si possono vincere le partite non bisogna perderle". Di fatto, la parabola che si è vista oggi.

Laner: "Ci stavano i tre punti e non sono arrivati. Ma sono molto soddisfatto dell'atteggiamento della squadra e della compattezza e della determinazione". Sull'arbitraggio "ci poteva stare qualche cartellino giallo in più ma in definitiva la partita è stata condotta in modo regolare, senza grandi spunti di polemica"