Contenuto Principale












 






______________


 

Guidava ubriaca, le sequestrano patente ed auto
Cronaca - In evidenza
Martedì 15 Novembre 2016 19:40
altSono immediatamente scattati denuncia, ritiro della patente e sequestro dell’auto per la donna che nella notte tra domenica 13 e lunedì 14 è stata trovata dalla Polizia municipale di Modena alla guida in stato di ebbrezza.

Avvistando il veicolo che procedeva in modo incerto percorrendo la corsia riservata a bus e taxi, la pattuglia ha fermato l’automobilista alle 2.45 circa di lunedì in largo Garibaldi, mentre svolgeva un servizio di controllo volto a verificare la funzionalità dell’impianto semaforico.

Alla prova dell’alcol test la donna, una 35enne di nazionalità cubana residente a Bologna, è risultata avere tasso alcolemico superiore a 1,5 collocandosi quindi nella fascia più grave individuata dall’articolo 186 del Codice della Strada.

La violazione comporta pertanto la denuncia penale, l'ammenda da 1.500 a 6.000 euro, la sospensione della patente di guida e la confisca amministrativa del veicolo di proprietà. Sarà poi l’Autorità giudiziaria a decidere in quale misura applicare la sanzione penale ed eventuali sanzioni accessorie, la detrazione dei punti e la durata della sospensione della patente di guida da uno a due anni. L'ammenda potrà anche essere aumentata da un terzo alla metà, in quanto il reato è stato commesso nelle ore notturne.

Era palesemente ubriaco anche l’uomo che lunedì 14 novembre ha creato scompiglio alla Stazione delle Corriere tanto da far richiedere, verso le 18, l’intervento degli agenti della sede distaccata della Municipale in Centro storico. Gli agenti sono stati chiamati da un esercente per una lite tra l’uomo, in evidente stato di ebbrezza, e altre persone, ma non appena giunti, lui ha dato ancor più in escandescenze fino a tentare invano di divellere una panchina e di avventarsi su una persona presente. A quel punto gli agenti sono intervenuti neutralizzando l'aggressione e accompagnando l’uomo, un 48enne di nazionalità italiana, senza fissa dimora, al Comando di via Galilei per gli accertamenti di legge; il 48enne è stato infine denunciato per resistenza a pubblico ufficiale e rifiuto di fornire le generalità.