Contenuto Principale












 






______________


 

Clandestino, colpito da decreto di espulsione, dormiva e spacciava in una cabina elettrica
Cronaca - In evidenza
Lunedì 14 Novembre 2016 19:08
altNoncurante dei rischi, si era sistemato all’interno di una cabina elettrica dove dormiva, custodiva gli effetti personali e si dedicava anche ad attività illegali, come il confezionamento di sostanze stupefacenti. Non aveva però fatto i conti con la Polizia municipale che, dopo gli sgomberi di alcune tende abusive effettuati nelle scorse settimane e le segnalazioni di individui sospetti, ha intensificato i controlli in zona San Cataldo.

Sono stati infatti gli agenti del Nucleo problematiche del territorio a svegliare la mattina di lunedì 14 novembre il nordafricano privo di documenti sorpreso in una cabina elettrica situata nel tratto di strada chiusa che costeggia la ex ferrovia.

All’interno del locale vi erano evidenti tracce di confezionamento di droga, oltre ad alcuni giacigli improvvisati e vari effetti personali. Addosso al nordafricano, curato e ben vestito, gli agenti della Municipale hanno trovato 75 grammi di hashish, un quantitativo sufficiente per confezionare dalle 35 alle 40 dosi.

Subito dopo l’intervento, sul posto sono arrivate una pattuglia della Municipale del Centro Storico e il personale di Hera per pulire i locali della cabina e chiuderla affinché non vi si introducano altri.

Il giovane è stato invece portato al Comando di via Galilei per accertamenti; si tratta di un marocchino di 24 anni, irregolare sul territorio italiano, già inottemperante a un ordine di espulsione e quindi denunciato in un’altra città. È stato quindi nuovamente denunciato per l’inottemperanza, oltre che per la detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.