Contenuto Principale












 






______________


 

Caliendo rompe 4 mesi di silenzio stampa per chiedere scusa ai tifosi e rimettere sul tavolo la cessione del Modena
Cronaca - In evidenza
Mercoledì 02 Novembre 2016 22:01

alt"Chiedo scusa ai tifosi per la mancanza dei risultati. Perchè non ci sono scuse alla mancanza di risultati, e rinnovo la mia disponibilità a cedere il Modena, ma non a parassiti e fannulloni come tanti solo capaci di parlare affermando di stare trattando per l'acquisto della società solo per andare sui giornali ma senza fare e proporre nulla di concreto. Perchè fino ad ora l'unico che si è presentato millantando di essere capofila di una cordata è stato Marco Ballotta. Ma il nostro incontro si è limitato a 15 minuti e ad un caffè che ho pagato io. Praticamente al nulla. Non siamo nemmeno arrivati ai nomi dei personaggi della cordata. Io le cordate le mando a scalare il Cimone.

Il resto è nulla. Chiacchere. Non c'è stato niente. In una città con marchi prestigiosi ed internazionali e con migliaia di imprenditori che ne avrebbero la società, nessuno si è fatto avanti. E' mai possibile? Credete che il Modena non sia vendibile per contenziosi legali, problemi finanziari o perchè nel pacchetto ci sarebbe anche il Mammut? No, è tutto trasparente e anche la questione del Mammut non esiste. Chi compra il Modena non compra, o non è obbligato a comprare, il Mammut. Io ho investito 7 milioni di euro in questo Modena da quando l'ho rilevato da Casari. Il Mammut, lo ribadisco, non c'entra nel pacchetto Modena. Il Mammut doveva entrare negli impegni della compagine societaria nel momento in sarebbe andato in serie A e avrei voluto realizzare il cosiddetto centro sportivo del Modena, 'Modenello'. I risultati? In questi due anni ho commesso errori madornali, mi sono fidato di persone che non avrei mai pensato non avessero dato i risultati attesi. E adesso che i risultati non ci sono, non ci sono giustificazioni, se non nei miei errori, e per questo chiedo scusa ai tifosi. Al termine di Modena-Reggiana ho tenuto una rinione con il ds Pavarese, mister Pavan ed il Team Manager Matteo Scala sulla difficile situazione. Insieme abbiamo valutato la necessità di muoverci sul mercato di gennaio per supplire ad una situazione che davvero non mi aspettavo". E qui, più che a Pavan il riferimento, in termini di responsabilità, è a Pavarese che di fatto ha dato un attacco che tanto prometteva ma che tanto ha deluso

Nonostante un ora e quaranta minuti di conferenza, seguiti agli ultimi 6 mesi di silenzio stampa, il patron del Modena Antonio Caliendo non è andato oltre a quello che sei mesi fa aveva ribadito. "Sono disposto a cedere il Modena ma non voglio cederlo a dei parassiti. Solo a persone serie", ecc.... L'unica cosa nuova, ma di forma, di opportunità, di fatto non sostanziale, è rappresntata dalle scuse ai tifosi (la cui protesta è sfociata pesantemente quasi sul piano fisico martedì durante Modena-Reggiana), per la mancanza dei risutati. "Io sono convinto che senza le 9 attuali assenze della rosa titolare ce la potremmo giocare" ma questo non è una giustificazione, perchè non è nemmeno concepibile che una tale quantità di giocatori non sia disponibile e per così tanto tempo" 

Ma pur rilanciando la cessione del Modena per la quale Caliendo si dichiara pronto ad aprire un tavolo di trattativa anche davanti ai tifosi e ai giornalisti, non si sbilancia sull'attuale valore della società: "Fare delle cifre non sarebbe rispettoso nei confronti di chi, un domani, potrebbe sedersi ad un tavolo"