Contenuto Principale












 






______________


 

Festival Filosofia 2016, il bilancio della 3 giorni tra Modena Carpi e Sassuolo
Cronaca - In evidenza
Martedì 20 Settembre 2016 13:45

alt

L'edizione appena conclusa del festivalfilosofia è stata caratterizzata dalla notevole crescita del programma filosofico, che ha sfiorato le 100.000 presenze e ha trainato il risultato complessivo, fissato oltre le 178.000 presenze, traguardo molto confortante se si considerano le difficili condizioni metereologiche, con una pioggia che ha avversato non solo l'intera giornata del venerdì, ma anche la serata del sabato, costringendo alla cancellazione di tre appuntamenti.

Le presenze salgono a circa 190.000 includendo anche i risultati di “Aperto per festival”, ossia l'insieme delle aperture straordinarie in luoghi di interesse culturale nelle tre città. Confermatosi saldamente cuore qualitativo e quantitativo del festival, il programma delle Lezioni ha fatto perno sui beniamini più amati dal pubblico (i quali di anno in anno ruotano tra le tre città) e su un nutrito numero di nuove proposte, ampiamente apprezzate nelle piazze.

Come già l'anno passato, si è registrato un forte equilibrio tra le lezioni, con un pubblico ben distribuito (per una media di oltre 1.850 persone a lezione). I picchi di partecipazione, attorno od oltre le 5.000 presenze, si sono avuti con le lezioni di Umberto Galimberti e Julio Velasco, mentre Emanuele Severino ne ha richiamate 4.000. Parecchie le lezioni che hanno raggiunto e superato la fascia delle 3.000 presenze, come nei casi di Enzo Bianchi, Massimo Cacciari, Michela Marzano, Massimo Recalcati e Silvia Vegetti Finzi.

Tra le iniziative del programma creativo a Modena, sono state maggiormente premiate quelle programmate nel perimetro più stretto del centro storico. La mostra “Croce. La reliquia e il simbolo”, presso la Chiesa di San Giovanni, ha sfiorato le 4.000 presenze, mentre “La Torre contesa e il suo trofeo”, presso la Ghirlandina, ha superato nei tre giorni le 2.100. Ottimi risultati anche per il progetto “Modena futurista”, che comprendeva mostre al Museo Civico e alla Biblioteca Poletti, spettacoli, musica, laboratori e animazioni per un totale di 8 diverse iniziative: ha fatto registrare circa 4.400 presenze, inclusa la serata al Teatro Storchi, per la prima volta sede del festival, che ha esaurito i posti a disposizione.

A Carpi le celebrazioni per il ritorno del campione olimpico Gregorio Paltrinieri sono state partecipate da 2.000 persone festanti, mentre oltre le 2.000 si è anche attestata la mostra “Novecento” di Antonello Fresu, dislocata su 4 sedi. Ottimo risultato anche per le 6 iniziative per ragazzi – le mostre di Fabrizio Silei e Fabian Negrin, narrazioni e laboratori – accomunate dal tema dell'estinzione e dell'evoluzione: ha rasentato le 3.700 presenze complessive.

A Sassuolo la mostra “Sono un tipo antisociale” di Carlo Savigni si è attestata intorno alle 1.650 presenze, mentre lo spettacolo del Circo Zoé – primo appuntamento circense e acrobatico nella storia del festival – è stato seguito da 700 persone: unica iniziativa serale che si è potuta tenere all'aperto dopo le avverse condizioni metereologiche.

L'attenzione dei media per l'edizione 2016 si è rafforzata, con segnali di crescita soprattutto quantitativa e qualitativa, dovuta a testate nazionali che hanno coperto per la prima volta la manifestazione.

In modo particolare quest'anno hanno seguito l'evento le troupe di Rai 2, Rai Cultura, Sky, Sky Sport, Rai Regionale, Radio Rai. Sono stati realizzati servizi televisivi all'interno TG2, TG2 Storie, Sky TG24 e TG3. In complesso sono state realizzate oltre 50 interviste radiofoniche da reti e network nazionali, incluse quelle realizzate da Radio 3 Fahrenheit durante la consueta diretta live da Modena nei tre giorni del festival. La stampa nazionale, che ha accreditato oltre 200 testate, ha ospitato 24 anticipazioni delle lezioni magistrali (in signficativo incremento rispetto all'anno passato) e più di 50 interviste ai protagonisti.

Particolarmente significativi anche i dati della comunicazione diretta realizzata dal festival attraverso il sito web durante tutto l'anno. Dalla fine del festival 2015 a oggi gli utenti individuali sono stati oltre 241.000 (con un incremento del 70% rispetto all'anno precedente), per un totale di circa 1.750.000 pagine visitate.

Le prime stime indicano inoltre che anche quest'anno la capienza alberghiera nelle tre città è stata esaurita; si sono inoltre registrati ottimi risultati nei 78 ristoranti ed enoteche che hanno aderito alla cucinafilosofica.