Contenuto Principale












 






______________


 

Tornano i divieti della manovra antinquinamento. Guarda se devi lasciare l'auto a casa
Cronaca - In evidenza
Giovedì 01 Settembre 2016 13:39

alt

Puntuale ogni anno tornano per gli automoblisti i divieti imposti dalla Regione e accettati dal Comune di Modena. Il via è per il 2 ottobre, con la prima domenica ecologica in programma, la manovra antinquinamento prevista dal Piano integrato per la qualità dell’aria (Pair 2020) della Regione Emilia Romagna che sarà in vigore fino al 31 marzo 2017.

A Modena l’area coinvolta dalle limitazioni alla circolazione dei veicoli (da quest’anno applicate in tutti i Comuni sopra i 30 mila abitanti) si estende fino all’anello delle tangenziali, la Regione ha infatti deciso di non prevedere più la deroga in vigore lo scorso anno che permetteva di applicare la manovra solo al 30 per cento del centro abitato. Dal 3 ottobre le limitazioni si applicheranno quindi dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 18.30, nell’area compresa tra le tangenziali nord Pirandello, Carducci e Pasternak, via Nuova Estense, strada Bellaria, strada Contrada, via Giardini, complanare Einaudi, strada Modena-Sassuolo, tangenziale Mistral. Sarà comunque possibile per tutti i veicoli entrare in città per raggiungere i 27 parcheggi scambiatori situati all’interno del centro abitato.

Nella zona soggetta alle limitazioni, non possono circolare i veicoli a benzina Euro 0 ed Euro 1; i veicoli diesel Euro 0, Euro 1, Euro 2 ed Euro 3 (anche se dotati di filtro antiparticolato); i ciclomotori e i motocicli Euro 0. Da quest’anno sono soggetti alle limitazioni anche i veicoli commerciali leggeri Diesel Euro 3, è infatti scaduta e la Regione non ha rinnovato la proroga di un anno prevista nell’ambito della manovra 2015-2016.

Tutte le informazioni sulle misure adottate sono disponibili sul sito www.comune.modena.it/liberiamolaria-modena. Per informazioni è anche possibile recarsi all’Urp di piazza Grande 17, tel. 059 20312; piazzagrande@comune.modena.it.

Cinque le domeniche ecologiche in calendario, 2 ottobre, 6 novembre, 8 gennaio, 5 febbraio e 5 marzo, che saranno anticipate, il 25 settembre, dalla domenica senz’auto programmata dal Comune nell’ambito della Settimana europea della mobilità sostenibile, prevede il divieto di circolazione dalle 9 alle 18 per tutti i veicoli a motore (compresi ciclomotori e motocicli) nell’area del centro cittadino e numerose attività di animazione e sensibilizzazione ai temi ecologici per tutta la giornata.

La manovra sarà sospesa nei giorni festivi di martedì 1 novembre, giovedì 8 e lunedì 26 dicembre, venerdì 6 e martedì 31 gennaio 2017. Rimangono anche le misure emergenziali che scattano in caso di superamento prolungato (per sette giorni consecutivi) del limite giornaliero delle polveri Pm10. In questo caso è prevista nel territorio interessato una domenica ecologica aggiuntiva.

CHI PUO' SEMPRE CIRCOLARE
Dalle limitazioni alla circolazione sono esclusi i veicoli a emissione nulla, cioè i veicoli elettrici, quelli ibridi, a Gpl/ benzina, a metano/ benzina, i ciclomotori e i motocicli elettrici. Possono inoltre circolare sempre anche gli autoveicoli con almeno tre persone a bordo (car pooling) se omologati a quattro o più posti, e con almeno due persone, se omologati a due posti. Possono circolare anche i veicoli appartenenti a persone il cui Isee sia inferiore alla soglia di 14 mila euro, entro il limite di un solo veicolo per ogni nucleo familiare.
Inoltre restano valide le deroghe (quest’anno omogenee in tutto il territorio regionale) per i mezzi a servizio degli invalidi, in possesso di contrassegno; per l’accompagnamento dei bambini agli asili nido, alle scuole d’infanzia, primarie e medie inferiori; per il trasporto di persone per visite mediche o trattamenti sanitari (attestati da certificato medico o prenotazione della prestazione sanitaria); per i veicoli in servizio di emergenza, di soccorso e di manutenzione urgente.
Esclusi dalle limitazioni anche i veicoli di paramedici e assistenti domiciliari in servizio di assistenza domiciliare (con attestazione della struttura di appartenenza), i veicoli adibiti al trasporto di prodotti deperibili, farmaci e prodotti per uso medico. Esclusi anche i veicoli diretti alla revisione purché in possesso di prenotazione e quelli degli operatori economici che accedono o escono dai posteggi dei mercati settimanali o delle fiere.