Contenuto Principale












 






______________


 

Libri e corredo scolastico, è partita la caccia al risparmio
Cronaca - In evidenza
Martedì 30 Agosto 2016 17:42

alt

E’ già tempo di acquisto libri e corredo scolastico. L’ennesima stangata, denunciano le Associazioni dei consumatori. Le opportunità per risparmiare e i “contributi” della Regione Emilia-Romagna

Secondo l’Osservatorio Nazionale Federconsumatori i prezzi per l’acquisto del corredo scolastico, mediamente, saranno pari a 514 euro (+1,5% rispetto al passato), mentre sono stabili le spese per libri e dizionari, pari a 531,70 euro. “Ad aumentare in misura maggiore sono soprattutto i prezzi degli zaini, dei trolley, degli astucci e dei diari. Alcune marche, tornate in voga, hanno fatto lievitare i listini. Come sempre, la voce che pesa maggiormente sul budget per la scuola è quella relativa ai libri di testo, il cui aumento però risulta molto frenato”.

I costi della scuola secondo Federconsumatori
Quest’anno, si evidenzia, mediamente per i libri più 2 dizionari si spenderanno 531,70 euro per ogni ragazzo, il +0,4% rispetto allo scorso anno (calcolo effettuato prendendo in considerazione le diverse classi delle scuole medie inferiori, licei ed istituti tecnici).  Sempre secondo Federconsumatori le spese saranno particolarmente elevate per gli alunni delle classi prime. Nel dettaglio:

  • uno studente di prima media spenderà mediamente per i libri di testo più 2 dizionari 485,20 euro (il +0,2% rispetto allo scorso anno). A tali spese vanno aggiunti +514,00 euro per il corredo scolastico ed i ricambi durante l’intero anno, per un totale di 999,20 euro.
  • Un ragazzo di prima liceo spenderà per i libri di testo più 4 dizionari 797 euro (il -0,2% rispetto allo scorso anno), più 514 euro per il corredo scolastico ed i ricambi, per un totale di ben 1.311 euro.

“Tali spese – sottolineano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, presidenti Federconsumatori ed Adusbef - mettono a dura prova i bilanci delle famiglie, già in forte crisi. Basti pensare che il loro potere di acquisto dal 2008 è diminuito di oltre il -13,4%. E nonostante l'aumento molto contenuto, le spese per i libri continuano a superare in molti casi i tetti di spesa fissati dal Ministero. È indispensabile adottare misure concrete che consentano alle famiglie di risparmiare: incentivando al massimo l’editoria elettronica (un dizionario online può costare anche 8 euro); rendendo disponibili in rete gli aggiornamenti per le nuove edizioni, senza obbligare l’alunno ad acquistare necessariamente un testo nuovo; ampliando iprestiti dei testi da parte delle scuole.

I suggerimenti per risparmiare di Codacons
Secondo le stime del Codacons, per il corredo scolastico (penne, diari, quaderni, zaini, astucci, ecc.) i prezzi al dettaglio saranno sostanzialmente stabili rispetto al 2015. "Ma, aggiungendo i libri di testo la spesa complessiva può raggiungere e superare i 1.100 euro a studente, una vera e propria stangata per le tasche degli italiani”.
Tuttavia - spiega l'associazione - anche sulla spesa scolastica è possibile risparmiare sensibilmente e abbattere i costi del 40%. Ecco come.  

  • Non inseguite le mode. In questi giorni tutte le televisioni stanno bombardando i vostri figli con pubblicità mirate agli acquisti necessari per la scuola. Allontanateli dalla TV e non fatevi condizionare dal mercato pubblicitario. Non inseguendo le mode, per il corredo potreste spendere il 40% in meno, acquistando prodotti di identica qualità. Basta non comprare gli articoli legati ai personaggi dei cartoni animati o bambole famose.
  • Nei supermercati si può arrivare a risparmiare fino al 30% rispetto alla cartolibreria. Andate con la lista dettagliata della spesa e obbligatevi a rispettarla. In questo periodo alcune catene di supermercati vendono i prodotti scolastici addirittura a prezzi stracciati: sono i cosiddetti prodotti "civetta". Vengono venduti beni addirittura sottocosto, contando sul fatto che comunque finirete per acquistare anche tutto il resto. Approfittatene, acquistando solo i prodotti civetta! Poi cambiate supermercato!
  • Rinviate gli acquisti.Abbiamo la pessima abitudine di acquistare subito tutto quello che servirà nel corso dell'anno. Le scorte di quaderni e penne si possono anche comprare in un momento successivo. Spesso, aspettando, si risparmia.
  • Aspettate i professori.Per le cose più tecniche (dal compasso ai dizionari), poi, è bene attendere le disposizioni dei professori, onde evitare acquisti superflui o carenti.
  • Offerte promozionali e kit a prezzo fisso.Ben vengano! Possono essere convenienti. Se non sono frutto di un accordo con le Associazioni di consumatori, che fanno da garante, confrontate comunque i prezzi e controllate la qualità del prodotto, specie per lo zaino (per il quale sconsigliamo in ogni caso l'acquisto, dando la preferenza al trolley). 

Le opportunità offerte dalla Regione Emilia-Romagna
La Giunta regionale con la deliberazione n. 1116 del 18 luglio 2016 ha approvato i criteri e le modalità riguardanti la concessione dei contributi per l'acquisto dei libri di testoper gli studenti delle scuole secondarie di I e II grado della regione per l'anno scolastico 2016/2017. La richiesta di contributo dovrà essere presentata dall'1 al 30 settembre 2016 esclusivamente on line. Questa nuova modalità infatti consentirà di accelerare il pagamento del contributoche verrà effettuato dai Comuni alle famiglie.
I destinatari dei contributi sono:

  • gli studenti residenti e frequentanti le scuole nella regione Emilia-Romagna, secondarie di I e II grado, statali, private paritarie e paritarie degli Enti Locali, non statali autorizzate a rilasciare titoli di studio aventi valore legale;
  • studenti frequentanti scuole dell'Emilia-Romagna e residenti in altre Regioniche erogano il beneficio secondo il criterio "della scuola frequentata". In questo caso competente all'erogazione del beneficio è il Comune sul cui territorio si trova la scuola frequentata dallo studente.

Il valore ISEE 2016 riferito al nucleo famigliare di appartenenza dello studente deve essere pari o inferiore a euro 10.632,94.
Borse di studioscolastiche della Regione Emilia-Romagna.Qui gli tutti gli approfondimenti

Libri di testo, la mappa degli sconti
Riguardo l’acquisto dei libri di testo, ecco i preziosi consigli del portale Il Test-Salvagente. L’usato, ad esempio, va ancora fortissimo ormai anche on line, sia su siti ad hoc come libraccio.it, buono-prezzo.it, libridea.it e cartaruga.it, sia su colossi come amazon.it e ibs.it.
Ma quando non si vuole l’usato o non è possibile acquistarlo perché l’edizione del libro è stata rinnovata e non è più esattamente la stessa, allora è possibile guardare alle occasioni proposte dalla Grande Distribuzione: Conad, Coop ed Esselunga invitano ad acquistare nei loro punti vendita i libri in lista nella propria scuola proponendo uno sconto notevole (dal 15 al 25%) sulla spesa. Come dire di no in tempi di crisi…

Conad
Finoal 31 ottobre è possibile prenotare ed acquistare libri di testo (con Carta insieme gratuita) ei punti vendita aderenti. In alcuni casi è possibile prenotare anche on line. In cambio, Conad restituisce il 25% del costo in buoni (spendibili fino al 30 novembre 2016)

Coop
Le varie coop attuano promozioni leggermente diverse.
Coop Alleanza: (anche testi universitari) 15 % per tutti i clienti, e in più, solo per i soci Coop Alleanza 3.0, un ulteriore buono sconto del 5% (se dopo 31 luglio) calcolato sull’importo pagato al momento del ritiro, al netto dello sconto già ottenuto.
Coop centro Italia: Fino al 17 settembre prenotazione libri di testo nuovi o usati online o punti vendita abilitati: se nuovi buono spesa del 10% e uno sconto aggiuntivo del 15% per i soci e del 10% per i non soci, sui libri di testo usati hai il 40% di sconto del prezzo di copertina 2016.

Esselunga
Prenotazione on line libri di testo per i possessori di carta Fidaty (gratuita) o nei punti Fidaty. Sconto del 15% sul prezzo di copertina, oltre punti Fragola ( da accumulare sulla propria carta Fidaty). In più buoni Amici di Scuola 2016 (1 buono ogni 25 euro spesi per l’acquisto di libri scolastici) da conservare e consegnare alla propria scuola a partire dall’8 settembre.

Auchan
Prenotazione libri di testo con La tua! Card (gratuita) entro 31 ottobre. Se fatta on line, buono spesa di 25%; se fatta in ipermercato buono spesa del 20% (valore del buono fino a 30 novembre)

Carrefour 
Prenotazione on line o nei punti vendita aderenti (con carta spesa Payback gratuita) e buono spesa pari al 20% del valore dei libri acquistati, utilizzabile fino al 29 novembre. Pagamento al ritiro comunicato via sms o email

Simply
Prenotazione entro il 31 ottobre (anche universitari) e buono spesa pari al valore del 20% del prezzo di copertina e spendibile entro 30 giorni. Si paga al momento del ritiro comunicato via sms

Pam
Dal 6 giugno al 25 settembre, prenotazione libri di scuola da Pam e Panorama. Con Carta Per Te, sconto del 20% sul valore del libro e concorso per vincere biglietto per parchi divertimento (info anche app scaricabile)