Contenuto Principale












 






______________


 

La visita di Papa Francesco a Carpi e Mirandola: rivivi le tappe di un evento storico
Cronaca - In evidenza
Domenica 02 Aprile 2017 09:50
altCon la partenza in elicottero dal piazzale della chiesa di San Giacomo Roncole, frazione di Mirandola, si conclude, alle ore 17,50, la visita di Papa Francesco a Carpi e Mirandola, in omaggio ai territori colpiti dal sisma del 2012. 

Una visita iniziata alle 9,30 (in anticipo rispetto alle 9,45 previste) a Carpi, quando l'elicottero papale è atterrato nel campo da rugby di Carpi. Un anticipo che ha permesso un primo fuori programma. Con la Papa Mobile che anziché dirigersi direttamente verso piazza Martiri, a Carpi, ha effettuato un giro di campo per salutare da vicino la folla di presenti.
Visita proseguita poi con la messa in Piazza Martiri, il pranzo al seminario insieme ai vescovi ed ai sacerdoti, il trasferimento ed il discorso nella piazza del Duomo di Mirandola e la deposizione dell'omaggio floreale alla stele in ricordo della vittime del terremoto presso la chiesa di San Giacomo Roncole. 

Di seguito, il riassunto per punto delle tappe della visita 

IL PAPA A MIRANDOLA

Ore 17,50: Il Papa saluta i presenti, le autorità, i Presidenti di Provincia e Regione, Muzzarelli e Bonaccini, il Prefetto Paba, sale sull'elicottero e benedendo i presenti decolla sull'elicottero atterrato nel campo antistante la chiesa in ristrutturazione e chiusa e ritorna a Roma.

Ore 17,40: Papa Francesco, accompagnato da due bambini, depone una corona di fiori alla stele che ricorda le vittime del terremoto alle quali viene dedicato un momento di raccoglimento.

Ore 17,35: Il papa giunge presso la chiesa di San Giacomo Roncole. Ad attenderlo una folla di fedele e viene ricevuto dai suoni del gruppo musicale di bambini che integra anche soggetti con disabilità

Ore 17,15: Il Papa percorre i 6 km che dividono Mirandola alla frazione di Sa Giacomo Roncole sulla papa mobile. Lungo tutto il tragitto migliaia di persone salutano il pontefice.

Ore 17,15: Papa Francesco termina il suo discorso alla folla presente in piazza del Duomo a Mirandola. Scende dal palco e si concede all'abbraccio ed alle foto della folla presente.

Ore 17,07: Il Papa sale sul piccolo palco allestito di fronte l'accesso principale del Duomo e inizia il suo discorso rivolto alla cittadinanza. "Le ferite lasciate dal sisma sono guarite ma rimangono le cicatrici" - ha affermato papa Francesco che ha fatto appello affinché la ricostruzione, soprattutto dei centri storici, avvenga con celerità. Centri storici intesi come centro e riferimento delle comunità. 

Ore 17,03: Il Vescovo della diocesi Francesco Cavina, rivolgendosi alla popolazione, e ringraziando il pontefice, annuncia l'ottenimento di tutte le autorizzazioni per il via ai lavori, entro l'estate, dei lavori per la riparazione dei danni del sisma sul Duomo.

Ore 17,00: Dopo l'accoglienza ricevuta dal Sindaco di Mirandola e dal parroco di Mirandola, Papa Bergoglio, accompagnato dal Vescovo Cavina, è entrato nel Duomo ancora inagibile ed ancora avvolto e riempito dalle impalcature, e ha deposto una corona di fiori all'altare maggiore.

Ore 16,57: Dopo la mattinata a Carpi, il Papa giunge a Mirandola ed antra in centro con la papa mobile

IL PAPA A CARPI

Ore 16,15: Dopo il pranzo con i sacerdoti ed i Vescovi nel seminario di Carpi, Papa Francesco ha lasciato Carpi e si è diretto in auto a Mirandola

Ore 12,15: Con la benedizione si conclude la messa di Papa Francesco in piazza Martiri a Carpi. Papa Bergoglio sale sulla papa mobile, ripercorre piazza Martiri salutando la gente, ma all'altezza del sagrato del Duomo fa fermare il mezzo per scendere ed avvicinarsi alle transenne che dividono l'area in cui sono posizionati disabili e malati. Si avvicina a loro, li accarezza e li abbraccia. 

Ore 12,10: Il Papa benedice le prime pietre di quattro nuovi edifici della diocesi di Carpi che saranno costruiti ex novo. Si tratta della nuova chiesa della parrocchia di Sant’Agata di Cibeno a Carpi; la 'Cittadella della carità' a Carpi; la nuova struttura parrocchiale di San Martino Carano di Mirandola; la casa di spiritualità di Sant’Antonio in Mercadello di Novi di Modena, per la quale la pietra, segno di comunione fortemente voluto dal vescovo Francesco Cavina, è costituita da un frammento della chiesa della Beata Vergine Maria di Quaraqosh, nella piana di Ninive in Iraq, distrutta dalla violenza del Daesh.

Ore 12: Il Papa ringrazia la città di Carpi, i 4500 ammalati presenti in Piazza e tutti i presenti. Ricorda la figure di Odoardo Focherini, già richiamato dal Vescovo Cavina. E rivolgendosi ai 'fedeli laici' afferma: "Vi incoraggio ad essere protagonisti della vita della vostre comunità, nell'annuncio e nella testimonianza del vangelo"

Ore: 11,57: Il Papa dona al Vescovo ed alla città di Carpi un calice in segno di ringraziamento dell'accoglienza ricevuta.

Ore 11,50: Al termine della messa Il Vescovo di Carpi saluta e ringrazia Papa Francesco giudicando la presenza a Carpi come un 'cardiotonico' per il cuore, capace di restituire speranza e fiducia nel futuro e ricordando beati e martiri carpigiani. 

Ore 11,45: I 60 sacerdoti dei territori colpiti dal sisma distribuiscono l'eucarestia alle migliaia di fedeli che seguono la messa dal vivo in piazza Martiri e in diretta sugli schermi in Piazza Garibaldi ed in Piazzale Re Astolfo

Ore 11,10: "Non abbandoniamoci alla paura, ma accettiamo il richiamo di Gesù che da fiducia e ci dice alzati, vieni a me. Non abbiate paura. Oggi come allora Gesù dice 'togliete la pietra, per quanto pesante sia il passato. Non sbarriamo mai l'ingresso del signore". Le parole di Papa Francesco che riportano la parabola del sepolcro di Lazzaro definiscono il passaggio forse più intenso, anche nei toni e nella gestualità, della messa in piazza Martiri a Carpi.

Ore 10,38: Inizia la messa celebrata da Papa Francesco

Ore 10,35: Il Papa sale sul palco allestito in Piazza Martiri a Carpi per la solenne cerimonia nella quinta domenica di Quaresima. Papa Francesco è accompagnato dai vescovi della conferenza episcopale dell'Emilia-Romagna. L'altare sul palco riporta il bassorilievo che richiama i fatti raccontati nel capitolo 21 del Vengelo di Giovanni relativi ala pesca miracolosa.

Ore 10: Il Papa è arrivato in Piazza Martiri e la Papa Mobile sta attraversando la piazza in corridoio creato da una folla in festa ed arriva davanti al Duomo, dove Bergoglio scende accompagnato dal vescovo di Carpi. Campane a festa, saluta i sacerdoti delle chiese dei territori colpito dal sisma.

Ore 9,50: La Papa Mobile ha lasciato il campo da rugby di Carpi e si sta dirigendo verso il centro storico di Carpi dove, in Piazza Martiri, davanti al Duomo (dove nel frattempoè uscito il sole il pontefice, dalle ore 10,30, celebrerà la Santa Messa

Nella foto, Papa Francesco insieme al Vescovo di Carpi Cavina sulla Papa Mobile, al campo da rugby di Carpi, pochi minuti dopo l'atterraggio dell'elicottero.