Contenuto Principale












 






______________


 

Elezioni, crepe in casa Pd anche a Modena
Attualità - Copia di In evidenza
Giovedì 09 Giugno 2016 18:08

alt

C’era una volta il ‘partitone’ a Modena. Ora, da tempo, non è più così ma, in questa tornata elettorale, che ha riguardato sei comuni in provincia di Modena sono emerse diverse crepe preoccupanti in casa dem. Prima del voto di domenica 5 giugno, il Pd governava in cinque dei sei comuni andati al voto. Allo stato attuale la situazione è questa: il Pd vince in due comuni (Sestola e Palagano) e perde in altri due ovvero a Zocca e Montefiorino. Negli altri due comuni, Pavullo e Finale Emilia, si va a un ballottaggio dall’esito incerto per il partito di Renzi.

Nella migliore delle ipotesi quindi, il Partito democratico tra 15 giorni potrà arrivare a governare 4 su 6 comuni oppure dovrà affrontare una sorta di catastrofe elettorale nel caso in cui perda i due ballottaggi e ritrovarsi con soli 2 comuni vinti e addirittura 4 persi. Valutando comunque ogni ipotesi, sia la più positiva che negativa, l’arretramento è oggettivo. Il 19 giugno i democratici governeranno meno comuni di cinque anni fa.

Ci possono essere tanti motivi per questa situazione sia di carattere nazionale e sia locale ma c’è un episodio che, più di altri, racconta le difficoltà del Pd a livello locale. A Montefiorino il Partito democratico non si è presentato alle elezioni, neanche sotto forma di una lista civica mascherata. Si deciso di non partecipare alla gara, perdente o meno poco importa perché anche il ruolo dell’opposizione è molto importante e contribuisce a far amministrare al meglio il Comune. Eppure agli elettori di centrosinistra di quel comune non è stata la possibilità di votare una lista che esprimesse i valori e i programmi di quello schieramento. E’ un fatto inusuale.

Cose del genere in provincia di Modena non si erano mai viste. Quando è capitato, nel passato, che in un comune si presentasse una sola lista, normalmente gli assenti non stavano nello schieramento di sinistra. Così come a livello nazionale, per Matteo Renzi e la minoranza interna, anche per il Pd modenese il 19 giugno sarà tempo di verdetti.