Contenuto Principale












 






______________


 

Welfare, Sinistra Italiana Modena: "Dal Governo mazzata in arrivo. Imposti tagli a Sanità, Politiche sociali e non autosufficienza. I modenesi devono saperlo"
Opinioni - Opinioni
Venerdì 10 Marzo 2017 10:27
alt"Nei giorni scorsi si è conclusa la trattativa fra Governo e Regioni per i tagli che, quest’anno, saranno imposti ancora ai fondi di Sanità, Politiche Sociali ed aiuti ai non autosufficienti.

Tagli che si ripercuoteranno ovviamente sulle risorse che potranno essere utilizzate dalla nostra USL per i servizi sanitari e su quelle gestite dai Comuni della provincia per gli interventi a favore delle categorie più deboli".  Il grido d'allarme arriva da Simone Fana - Luca Fedrigotti - Gualtiero Monticelli, della Federazione 'Sinistra Italiana' di Modena. 
"Modena, che ancora conserva un discreto livello di welfare anche se fortemente indebolito da questi otto anni di continui tagli, rischia ora di trovarsi in grosse difficoltà, vista la sua storica attenzione al sociale e l’impegno sempre profuso per alleviare i disagi dei cittadini in maggiori difficoltà.Choc per le categorie più deboli! Tagli da 422 milioni alla Sanità, da 214 alle Politiche sociali e da 50 milioni ai non autosufficienti. Questi i numeri da vera macelleria sociale che arrivano dalle ultime nuove misure di austerità varate dal Governo e già accettate dalle Regioni. Asili nido, assistenza domiciliare, aiuti alle famiglie povere saranno tagliati per non parlare dei non-autosufficienti.
Ancora una volta si infierisce sugli ultimi, sui più indigenti. Inoltre si continua a ridurre i servizi sanitari inducendo chi ha necessità di certezza della cura o ad attendere, per le file che si allungheranno, o a doversi rivolgere alla Sanità privata.
Come hanno comunicato all’unisono i sindacati dell’Emilia-Romagna “…anche nella nostra Regione ci sarà una pesante riduzione del Fondo Sociale Locale”.
Questo fondo, così pesantemente tagliato, è infatti utilizzato a Modena per interventi a sostegno della povertà, dell'emarginazione, delle nuove generazioni senza lavoro, dell'integrazione e per tutte le fasce di popolazione più debole.
Il Forum del terzo settore ha definito questi tagli come «…un atto gravissimo che avrà pesanti conseguenze per i cittadini e le famiglie che si trovano in condizioni di forte disagio».
Questi tagli non possono passare nel silenzio, senza che i modenesi ne siano informati. Per noi di Sinistra Italiana è abnorme che in una situazione in cui la povertà cresce, in cui ampie fasce di popolazione si avvicinano alla soglia della povertà, si umilino in questo modo le politiche sociali, invece di potenziarle.
Basta coi tagli al sociale ed alla sanità che invece dovrebbero rappresentare veri e propri investimenti che creano sviluppo, domanda e nuova occupazione.

p. Federazione “Sinistra Italiana” di Modena
Simone Fana - Luca Fedrigotti - Gualtiero Monticelli