Contenuto Principale

Carpi futura e M5S richiamano il Prefetto sulle firme per il referendum: "Non se ne lavi le mani"

"Con riferimento alla richiesta dei gruppi consiliari di Carpi Futura e Movimento 5 Stelle per permettere ai consigli...

Bocciato a Carpi il Consiglio di Frazione, Lega nord: Che ne pensa la Regione?

“Il 14 luglio 2016 il Consiglio comunale di Carpi respingeva a maggioranza dei voti espressi una proposta di de...

Partiti i lavori sulla strada tra Carpi e Novi di Modena

Sono partiti mercoledì 26 ottobre, i lavori di ripristino e manutenzione del fondo stradale lungo la strada prov...

Referendum, a Carpi duello a sinistra tra il Si e il No. Appuntamento per il 24 ottobre

Duello a tutto a sinistra sul referendum. A Carpi (Modena) al Circolo Kalinka lunedì 24 ottobre alle ore 21.00 c...

Referendum, a Carpi cercano scrutatori. Domande entro il 5 novembre

In vista del Referendum Costituzionale che si terrà il 4 dicembre, gli elettori iscritti all'Albo degli Scrutato...

  • Carpi futura e M5S richiamano il Prefetto sulle firme per il referendum: "Non se ne lavi le mani"

  • Bocciato a Carpi il Consiglio di Frazione, Lega nord: Che ne pensa la Regione?

  • Partiti i lavori sulla strada tra Carpi e Novi di Modena

  • Referendum, a Carpi duello a sinistra tra il Si e il No. Appuntamento per il 24 ottobre

  • Referendum, a Carpi cercano scrutatori. Domande entro il 5 novembre












 






______________


 

Amianto nell'acqua a Carpi. Primo intervento ad aprile
Provincia - Carpi
Sabato 29 Marzo 2014 13:42

altProcede il piano di studio, monitoraggio e intervento messo a punto dal gruppo di lavoro tecnico-scientifico – costituito per studiare e affrontare il fenomeno della presenza di tracce di fibre di amianto nella rete idrica del territorio di Carpi – composto dai rappresentanti di Comune di Carpi, ATERSIR, AIMAG, HERA, IREN, SORGEACQUA (i quattro gestori del servizio idrico di ambito provinciale e limitrofo) e Federutility.

Il gruppo, che si è riunito a Carpi, nei giorni scorsi, ha valutato il piano di intervento che, validato dall’Azienda USL su parere dell’Istituto Superiore di Sanità, sarà avviato nella prima decade di aprile per poi durare, nella sua fase di sperimentazione, per un periodo di almeno sei mesi. L’impianto ha una struttura molto semplice e consente sostanzialmente di immettere nella rete, dalla sua partenza alla centrale di Fontana di Rubiera, un formulato a base di fosfato monosodico alimentare e zinco con effetti protettivi alle tubazioni in cemento amianto perché all’interno si favorisce la formazione di una pellicola di idrossicarbonato di zinco.

“Si tratta di un formulato – spiega il dott. Italo Melchiorre, esperto del settore e consulente di AIMAG – ampiamente testato e applicato in Italia ed in altri paesi da decenni”.

Il dosaggio del particolato nella prima fase di sperimentazione riguarderà una delle due adduttrici che porta l’acqua da Fontana di Rubiera alle porte della città. L’attività di monitoraggio consentirà di verificare le variazioni sulla presenza di fibre di amianto e di registrare i miglioramenti nella rete idrica cittadina. Il monitoraggio riguarderà quattro punti fissi nella tratta dell’adduttrice presa in esame e una trentina di altri punti in città che, a rotazione, verranno campionati, con una frequenza di 14 campioni al mese. Verranno tenuti sotto controllo tutti i parametri sia chimici che microbiologici, come previsto dalle indicazioni dell’AUSL. Le analisi verranno pubblicate sul sito del Comune di Carpi, nella specifica sezione informativa.