Contenuto Principale

Carpi futura e M5S richiamano il Prefetto sulle firme per il referendum: "Non se ne lavi le mani"

"Con riferimento alla richiesta dei gruppi consiliari di Carpi Futura e Movimento 5 Stelle per permettere ai consigli...

Bocciato a Carpi il Consiglio di Frazione, Lega nord: Che ne pensa la Regione?

“Il 14 luglio 2016 il Consiglio comunale di Carpi respingeva a maggioranza dei voti espressi una proposta di de...

Partiti i lavori sulla strada tra Carpi e Novi di Modena

Sono partiti mercoledì 26 ottobre, i lavori di ripristino e manutenzione del fondo stradale lungo la strada prov...

Referendum, a Carpi duello a sinistra tra il Si e il No. Appuntamento per il 24 ottobre

Duello a tutto a sinistra sul referendum. A Carpi (Modena) al Circolo Kalinka lunedì 24 ottobre alle ore 21.00 c...

Referendum, a Carpi cercano scrutatori. Domande entro il 5 novembre

In vista del Referendum Costituzionale che si terrà il 4 dicembre, gli elettori iscritti all'Albo degli Scrutato...

  • Carpi futura e M5S richiamano il Prefetto sulle firme per il referendum: "Non se ne lavi le mani"

  • Bocciato a Carpi il Consiglio di Frazione, Lega nord: Che ne pensa la Regione?

  • Partiti i lavori sulla strada tra Carpi e Novi di Modena

  • Referendum, a Carpi duello a sinistra tra il Si e il No. Appuntamento per il 24 ottobre

  • Referendum, a Carpi cercano scrutatori. Domande entro il 5 novembre












 






______________


 

Carpi, partirà l'iter per sistemare i giardini dietro il Teatro comunale
Provincia - Carpi
Mercoledì 05 Ottobre 2016 16:40

alt

E’ormai imminente l’avvio dell’iter che porterà alla sistemazione dell’area verde retrostante il Teatro Comunale di Carpi: l’assessorato al Centro storico ha da tempo l’intenzione di riqualificare e rinnovare un elemento centrale del nucleo antico della città, ora in stato di degrado sia nei suoi elementi di arredo urbano che dei materiali che del verde. “Dopo che nel 2014 è stato già portato a termine uno studio di fattibilità (servito per un’analisi morfologica, storica e tipologica dei Giardini), si è ritenuto opportuno ampliare l’area d’intervento evidenziando il legame di questo luogo da un lato con via Matteotti e dall’altro con il Teatro e il Palazzo dei Pio. L’obiettivo dell’amministrazione – spiega l’assessore al Centro storico Simone Morelli - è quello di realizzare un progetto unitario, che dia un’immagine coordinata tra giardino, aree limitrofe e nell’insieme di tutte le zone del centro storico già oggetto nel recente passato di riqualificazione. 4.715 i metri quadrati di superficie totale dell’area verde (di questi oltre 2.000 sono solo di pavimentazione), nata come tale attorno al 1860 e nel 1955 risistemata nel suo aspetto attuale”.

Il progetto esecutivo, riapprovato dalla Giunta comunale martedì 4 ottobre, prevede modifiche nella distribuzione delle aree pavimentate con la creazione di percorsi principali e secondari; cambieranno poi i materiali utilizzati, l’arredo urbano, l’illuminazione e verrà ridisegnata anche l’area verde, dove spiccano anche esemplari secolari e di assoluto valore scientifico. Ovviamente il progetto, redatto dai tecnici comunali Ghini, Zona e Ferraro, ha ottenuto il parere favorevole della Soprintendenza alle Belle Arti e al Paesaggio di Bologna, Modena, Reggio Emilia, Ferrara; 610 mila euro è lo stanziamento che il Comune ha previsto nel Piano triennale delle opere pubbliche per questo intervento.

L’assessore al Centro storico Simone Morelli dopo l’approvazione di questa delibera sottolinea come riqualificare il centro storico sia stato per Carpi negli anni scorsi la cartina di tornasole della volontà di fare ripartire la città. “Nell’anno nuovo – dice - ripartiranno i lavori al Torrione degli Spagnoli e a Palazzo dei Pio ad esempio, e intanto partiranno quelli per il potenziamento dell’illuminazione e il mese prossimo quelli per la manutenzione straordinaria in Piazza dei Martiri. L’intervento sull’area verde retrostante il Teatro è un’operazione significativa perché cambierà volto a questo angolo del centro, che diverrà più fruibile per le persone, luogo di studio e socialità”.