Contenuto Principale












 






______________


 

Tasse, il 16 giugno giornata nera per i contribuenti
Attualità - Copia di In evidenza
Martedì 16 Giugno 2015 13:04

alt

Il 16 giugno è una giornata nera per gli italiani. Oggi infatti scade il termine per versare l’acconto delle tasse locali sulla casa TASI e IMU. Così oltre 20 milioni di famiglie metteranno mano al portafoglio e consegneranno 12 miliardi dei loro faticosi guadagni al fisco. A dicembre poi ci sarà la l'altra mazzata con il pagamento della seconda rata. Oltre alle tasse già citate gli italiani dovranno pagare anche le ritenute e le addizionali Irpef, l’Ires, l’Irap, l’Iva e la TARI Un scenario da brivido che viene stimato in una contribuzione di oltre 50 miliardi di Euro. Unica nota positiva la proroga per le imprese e le partite Iva che sono sottoposte agli studi di settore che avranno la possibilità di pagare le imposte dirette fino al 6 luglio.

I cittadini modenesi poi sono tra quelli che piangono di più di altri. Ricordiamo tutti bene che nel corso del primo bilancio dell'attuale Giunta comunale, guidata dal Sindaco Muzzarelli, si sono decisi aumenti per ben 9 milioni di Euro in più attraverso l’incremento di IMU, TASI e TARI.

Scelte che destano non poche preoccupazioni tra i cittadini che sono sottoposti ai duraturi effetti di una crisi economica che non ha precedenti. In più subentra anche un certo sconforto quando si apprendono notizie come quella di ieri, fonte Bankitalia, che il debito pubblico continua a salire ed è aumentato ad aprile di 10 miliardi, raggiungendo il record di 2.194,5 miliardi di euro.

E’ evidente che la strada della super tassazione degli italiani non funziona e che questa scelta produce solamente un sfiancamento dei cittadini e delle imprese. Alla luce di questi dati è arrivata l'ora di provare a cambiare strategia decidendo invece una forte diminuzione della pressione fiscale e un drastico dimagrimento della macchina pubblica. Una ricetta che vale benissimo sia per il livello comunale e sia per quello statale. Prima si inzia e meglio è.