Contenuto Principale












 






______________


 

Prignano, le priorità dell'Amministrazione nei primi 100 giorni
Provincia - Appennino
Venerdì 20 Giugno 2014 17:16

alt“Tra le priorità dell’amministrazione comunale, ci saranno senz’altro l’emergenza frane, la costruzione della nuova cucina a servizio del polo scolastico del capoluogo e l’installazione di alcune telecamere per aumentare il livello di sicurezza sul territorio”. Con queste parole il sindaco di Prignano, Valter Canali, interviene per tracciare le prime iniziative che assumerà la nuova amministrazione comunale.

“Nei cosiddetti primi centro giorni – spiega Canali – ci impegneremo innanzitutto ad avviare i lavori per risolvere due situazioni critiche oggi presenti sul territorio e dovute a movimenti franosi dei mesi scorsi. Un intervento, in particolare, è programmato in località Casa Curocchi a Saltino, dal momento che lì si trova una frana che minaccia alcune abitazioni. Per questo intervento sono già stati stanziati fondi dalla Protezione Civile, mentre progettazione e lavori saranno curati dal Servizio Tecnico di Bacino. L’altra iniziativa di messa in sicurezza del territorio riguarda via Montechiaratore nel capoluogo, da mesi interrotta da una frana. Anche in questo caso, grazie a fondi stanziati da Regione, Comune e Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale, interverremo per la sua riapertura. Il Consorzio di Bonifica, tra l’altro, si occuperà anche della progettazione e realizzazione dei lavori”.

“Altri provvedimenti che saranno assunti dall’amministrazione comunale fin dai prossimi giorni – prosegue Canali – saranno l’acquisto e l’installazione di alcune telecamere a circuito chiuso, per aumentare il controllo del territorio e quindi la sicurezza dopo i diversi episodi di furti nelle abitazioni che si sono verificati negli ultimi mesi”.

“Un altro progetto molto importante – conclude Canali – riguarda poi la realizzazione di una cucina a servizio del polo scolastico del capoluogo, già finanziata con un contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena per 120.000 euro e con fondi di bilancio comunale per 43.000 euro”.