Contenuto Principale












 






______________


 

Nel 2015 in Emilia Romagna 1300 gravidanze con la procreazione assistita
Attualità - Copia di In evidenza
Domenica 18 Settembre 2016 07:30

alt

Nel 2015 i centri pubblici hanno assistito 3.400 coppie e somministrato 4.000 cicli di trattamento per la fecondazione in vitro omologa a cui sono seguite circa 700 gravidanze. Nei sette centri privati le coppie accolte sono state circa 2.000, sono stati somministrati 2.700 cicli ai quali hanno avuto seguito 450 gravidanze. Per quanto riguarda l’inseminazione in vitro nei quattro centri privati presenti in Regione sono stati trattate circa 600 pazienti con circa 850 cicli eseguiti e sono state ottenute 100 gravidanze, mentre nei quattro centri privati sono state trattate 300 pazienti, i cicli eseguiti circa 500 e una sessantina le gravidanze ottenute. E' l'attività di procreazione assistita in Emilia-Romagna nei sei centri pubblici (due in Romagna, 1 a Bologna e 3 in Area vasta Emilia Nord) e sette privati non convenzionati relativa al 2015: in totale dunque circa 1.300 gravidanze. Ne hanno parlato i tecnici dell'assessorato alla sanità in un’informativa sulle azioni regionali per la salute della donna e a tutela "della fertilità e prevenzione delle cause di infertilità” che si è svolta in commissione per la parità e i diritti delle persone, presieduta da Roberta Mori.

L’inseminazione eterologa praticata nei due centri pubblici di Bologna e Cattolica sempre nel 2015 ha interessato una cinquantina di coppie e ha dato seguito a una quindicina di gravidanze. "Dal 2014- hanno segnalato ancora i tecnici- la Regione Emilia-Romagna ha inserito il trattamento della sterilità nei Livelli essenziali di assistenza e ha lavorato per il rafforzamento della rete assistenziale per le coppie che hanno l’esigenza di ricorrere alla procreazione assistita. A breve- hanno riferito dall’assessorato- partirà una campagna di comunicazione per la donazione dei gameti che tutti i centri sono ora pronti ad accogliere.

Nel corso dell’informativa i tecnici hanno riferito sulle misure promosse a livello regionale in termini di tutela della salute, prevenzione e promozione dei corretti stili di vita che- è stato detto- hanno importanti implicazioni anche sotto il profilo della fertilità di uomini e donne e per questo necessita di un approccio integrato tra diverse professionalità e servizi. Tra le iniziative citate la campagne di screening contro i tumori della cervice uterina e mammari, la campagna di prevenzione sulle malattie sessualmente trasmissibili che raggiunge ogni anno il 17% degli studenti in età tra i 14 e i 19 anni, quindi nell’arco dei 5 anni delle superiori quasi il totale degli studenti. Sottolineata anche l’importanza dei consultori familiari per promuovere e garantire salute. Sul tema delle interruzioni di gravidanza la presidente ha annunciato che la commissione, per quanto di competenza, terrà un incontro di approfondimento sui dati 2015 resi disponibili dalle Ausl.