Contenuto Principale












 






______________


 

Prignano: la Croce Rossa lancia un SOS: nuovi volontari o servizi a rischio
Provincia - Appennino
Sabato 03 Settembre 2016 17:31

alt

Di solito è la Croce Rossa a raccogliere i messaggi di allarme, ma per una volta le parti si sono invertite: il Comitato di Prignano sulla Secchia (Modena) della Croce Rossa è ora in “emergenza volontari” e lancia pubblicamente un appello alla popolazione affinché ci siano persone intenzionate ad arruolarsi nella Croce Rossa prignanese.

A spiegare come stanno andando le cose è stato lo stesso presidente, Davide Gazzetti, che dice: “Lunedì 5 settembre, alle 20,30, presso la nostra sede di via Allegretti, presenteremo un corso per aspiranti volontari, sia per le abilitazioni di servizi di emergenza/urgenza, sia per i servizi sociali. Ci auguriamo che gli aspiranti volontari siano almeno una ventina, perché diversamente non riusciremo più a garantire i servizi che stiamo coprendo attualmente. A rendere ancora più urgente il bisogno di nuovi volontari, che vadano a rimpiazzare chi per motivi anagrafici o per altre ragioni non può più garantire la propria presenza, sta anche il fatto che negli ultimi anni i servizi che abbiamo dovuto svolgere sono aumentati esponenzialmente. Un esempio sono i trasporti sociali, che lo scorso anno hanno nettamente superato quota mille, mentre fino a qualche anno fa erano solo alcune centinaia.
Un’analoga situazione, tuttavia – prosegue Gazzetti – si riscontra con i servizi di emergenza/urgenza: già alcuni turni siamo stati costretti a lasciarli scoperti per mancanza di volontari, e se la tendenza continuerà ci vedremo costretti a rivedere le convenzioni in essere col 118. Si tratta peraltro di servizi molto importanti, a cui non vorremmo affatto rinunciare, perché a volte pochi minuti di ritardo nell’arrivo di un’ambulanza possono fare la differenza tra la vita e la morte.
Per questo – conclude Gazzetti – mi auguro davvero un’ampia partecipazione alla presentazione del nuovo corso di lunedì 5 settembre, perché abbiamo davvero una grande necessità di formare nuovi volontari”.